Servizi Politica

Zaia: se c’è democrazia elezioni a luglio

Che l'emergenza sia per il momento accantonata lo rivela anche la politica che sta spostando l'attenzione sulla campagna elettorale. Luca Zaia si sta battendo per andare ad elezioni a Luglio

Zaia annuncia l’approvazione di un testo che prevede una finestra dal 6 di settembre, un recupero di più di un mese e mezzo rispetto a quanto si voleva fare. Dovrebbe trattarsi di un election day quindi è inspiegabile il motivo per cui il governo possa decidere di non andare a votare a fine luglio.

Zaia e le elezioni

Risolto il tema di natura sanitaria ne compare uno di natura pratica. Votare a fine luglio vorrebbe dire garantire un periodo di preparazione delle liste in un periodo estivo ma non vacanziero. Invece votare il 6 o il 13 di settembre significa presentare le liste a ferragosto.

Non votare a luglio è una sospensione della democrazia. Ci sono tutti i presupposti per dar compimento dei dettami della costituzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close