Le imprese devono mettere le persone al centro e devono agire all’unisono per rilanciare il mercato del lavoro, combattendo le contraddizioni.

Brunero Zacchei, Segretario Organizzativo UIL Veneto, afferma che bisogna ricordarsi di mettere le persone al centro ed è necessario ripartire con il mercato del lavoro cercando di non scontrarsi con imprevisti o rallentamenti.

Inoltre bisogna essere consapevoli del contesto in cui si vuole realizzare questo progetto. La società che si ha di fronte dopo questi dieci anni di recessione è cambiata e ha in sé tutte le contraddizioni. Molte di queste contraddizioni sono state indicate nell’accordo nazionale per cercare di mettere dei correttivi. Per esempio da un lato si prevede un allungamento della vita media, ma allo stesso tempo si taglino le risorse per le spese sanitarie e per i non autosufficienti.

Prima di applicare questo processo bisogna renderci conto di dove è possibile applicarlo. Dovremmo essere consapevoli della capacità di progetto tra tutti gli attori e mettere a fattor comune tutti gli elementi, intervenendo all’unisono su tutti.
Manca un vero disegno strategico per quest’aerea, un piano industriale che ancora non si sa qual è.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here