Servizi Cronaca

Via Piave: il Prefetto manda agenti in borghese

Agenti infiltrati tra le bancarelle natalizie e lungo le vie del centro tutti i giorni soprattutto nella fascia serale, la più battuta da pusher e clienti. E' la nuova strategia decisa dal Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica , forte anche della certezza di aver espulso uno dei boss dello spaccio in queste ore

Deciso un altro giro di vite e di controlli in Via Piave e nel centro di Mestre a partire dalla prossima settimana.

Il provvedimento per Via Piave e per il centro di Mestre

Il provvedimento preso dal Commando dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica dopo l’escalation di due accoltellamenti registrata negli ultimi dieci giorni e che il blitz delle forze dell’ordine non sono riuscite a fermare. Alle aggressioni tra pusher per la spartizione del territorio si sono aggiunte le azioni violente di persone alterate dai fumi e dell’alcool e varie spaccate con ingenti danni a vetrine di molti negozi.

Nei giorni delle festività natalizie partirà dunque una nuova sperimentazione con agenti in borghese pronti ad intervenire in caso di bisogno, soprattutto nella fascia più a rischio, quella del pomeriggio e della sera, non soltanto in Via Piave, ma in tutte le strade del centro.

Se il piano dovesse dare frutti, si estenderà per i prossimi sei mesi. Ci si attende comunque già da oro di un rallentamento dell’attività di spaccio per il rimpatrio di un 40enne tunisino considerato il boss degli spacciatori nord-africani della città con un ruolo logistico sullo spaccio.

L’idea della Prefettura di Venezia è di garantire un’azione continuata di questo tipo di vigilanza di forze dell’ordine congiunte, mentre finora i pattugliamenti costanti andranno alla polizia locale.

Leggi anche: Polesine: no alle trivellazioni, l’appello dei sindaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock