Servizi Cultura e spettacolo

VeneziaComix: Ripresa per il fumetto italiano e veneziano

Grande partecipazione al VeneziaComix 2019. Tiratura in aumento per Capitan Venezia e gli altri Capitani Italiani. Cambia la cultura del fumetto in Italia.

Dopo quasi tre anni di assenza e la scommessa sulla nuova location, l’edizione 2019 del VeneziaComix si è rivelata un successo. A parlarcene lo stesso presidente Fabrizio Capigatti, fumettista ed editore veneziano. La pausa di tre anni è stata a causa della mancanza di una location che permettesse di contenere le cifre a cui si erano assestati gli anni precedenti. Diecimila i partecipanti a questa edizione, che si è tenuta a Forte Marghera. Grande presenza di cosplay, ovvero ragazzi che emulano i personaggi di fumetti e videogiochi con dei costumi. Un fenomeno recente, importato negli ultimi anni dal Giappone.

Il mondo del fumetto

Nel mondo del fumetto, rispetto a vent’anni fa, oggi c’è sicuramente un’offerta molto più elevata e varia. In particolare negli ultimi anni c’è una fortissima componente di fumetto giapponese: il manga. La cultura del fumetto in Italia, nonostante l’importanza internazionale di alcuni fumettisti nostrani, è rimasta immutata per decenni. In Francia per esempio il fumetto è considerato una lettura per adulti, mentre in Italia è considerato unicamente per bambini e ragazzi. Le differenze sono dovute a differenti matrici culturali e storiche, ma negli ultimi anni le cose stanno cambiando. Anche in Italia infatti si comincia ad avere il fumetto per adulti.

Capitan Venezia

Così nasce Capitan Venezia, un fumetto di carattere supereroistico che si intreccia con le realtà sociali di Venezia. Vengono trattati temi come grandi opere, corruzione e mafia. L’etichetta “Capitani Italiani” di VeneziaComix editore produce anche molti altri personaggi oltre a Capitan Venezia, come Capitan Palermo, Capitan Napoli, La Lupa e altri in lavorazione. La differenza sostanziale rispetto a tanti altri fumetti nascenti è il totale affidamento al supporto cartaceo. L’obbiettivo che Capigotti si è sempre posto è quello di creare un’edizione bella, di qualità e con la copertina cartonata. E se può sembrare una mossa azzardata non investire sul web e il settore e-book, i numeri sembrano dire il contrario. La tiratura è molto alta, e riflette la ripresa del settore degli ultimi anni, dopo un lungo periodo di stagnazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button