Articoli di Economia e società

Inaugurata la nuova residenza studentesca di Ca’ Foscari

Realizzata l'iniziativa di student housing per fornire 650 posti letto e spazi comuni agli studenti dell'università Ca' Foscari di Venezia. Il sindaco Brugnaro: “I soldi investiti nei giovani, nel futuro e nella ricerca sono ben spesi. Bisogna attrarre investimenti e puntare sul lavoro”

Inaugurata questa mattina, alla presenza del Sindaco Luigi Brugnaro, del Presidente INPS Pasquale Tridico e degli esponenti della Cassa depositi e prestiti, la nuova residenza studentesca più grande della Città, in area Santa Marta.

650 posti letto per l’Università di Venezia

Con i suoi 650 posti letto, la struttura raddoppia l’offerta di alloggi per studenti universitari nella Città. Contribuisce così  in maniera significativa a colmare l’attuale gap che separa domanda ed offerta di soluzioni abitative a canone calmierato.

Riqualificazione urbana

Realizzato su un complesso di edifici storici e situato in un’area il cui potenziale era finora rimasto inespresso. L’intervento rappresenta infatti un esempio di riqualificazione urbana unico nel suo genere per la Città. Recupera alcuni edifici risalenti all’inizio del Novecento che avevano la funzione di magazzini a supporto delle attività dell’adiacente Cotonificio.

Il bando di gara

L’operazione è stata sviluppata sotto la spinta propulsiva dell’Università Ca’ Foscari Venezia, che ha indetto un bando di gara per l’affidamento in diritto di superficie 75ennale di un’area di sua proprietà parzialmente utilizzata per ospitare le attività dei dipartimenti scientifici, con l’obiettivo di realizzare una residenza e massimizzare la vocazione studentesca dell’area.

Gli investimenti

L’iniziativa, del valore di circa 30 milioni di Euro, è stata realizzata dal Fondo Erasmo, fondo immobiliare dedicato al settore dell’housing temporaneo per studenti, gestito da Fabrica Immobiliare SGR e sottoscritto al 60% dal Fondo FIA (Fondo Investimenti per l’Abitare gestito da CDP Investimenti SGR del Gruppo Cassa depositi e prestiti) ed al 40% dal Fondo Aristotele (interamente sottoscritto da INPS). L’intervento si avvale inoltre di un contributo del MIUR di circa 4 milioni di euro ex lege 338/2000.

I lavori di realizzazione, su progetto del Consorzio di Progettazione, sono stati affidati da Fabrica SGR a CMB nel 2017 e sono durati circa due anni.

La gestione della residenza è invece affidata a Camplus, primo provider di housing per studenti universitari in Italia, che oggi gestisce circa 9 mila posti letto in tutto il Paese ed è presente in 12 città italiane e in Spagna.

Residenza studentesca

Lo Studentato è costituito da un complesso di tre edifici, conosciuti come “Cubo”, “Parallelepipedo” ed “Edificio Sud”, in un’area originariamente nata per ospitare il Cotonificio Veneziano: l’intervento ne ha comportato il recupero, includendo operazioni di demolizione e ricostruzione.

Uno spazio centrale verde rappresenta la cerniera tra i tre edifici e si caratterizza come percorso principale di ingresso e distribuzione di tutta la struttura.

Il complesso, presidiato da reception 24 ore su 24, ospita 412 camere ammobiliate, dotate di angolo cottura e servizi indipendenti, zona notte ed angolo studio e servite da wi-fi gratuito.

I servizi

L’offerta abitativa è affiancata da una serie di servizi concepiti per favorire la vita di comunità, coniugando accoglienza e formazione ed interpretando i bisogni degli studenti universitari.

Circa un terzo delle superfici è infatti occupato da spazi comuni, con servizi a supporto della didattica o pensati per il tempo libero come aule studio e sale riunioni, lavanderia, sale giochi e Tv, bar e palestra ad uso degli ospiti della struttura con attrezzature di ultima generazione e servizio di personal training.

Camplus Venezia rispetta l’ambiente

Camplus Venezia Santa Marta è una struttura realizzata in classe energetica A: le dotazioni impiantistiche prevedono la produzione di energia tramite fonti rinnovabili, la presenza di un cogeneratore e la gestione dell’edificio tramite sistema di “Building Management System (BMS)” che consente di programmare e gestire i consumi. Infatti, tutti gli ambienti sono dotati di regolazione della temperatura e di illuminazione smart, con rilevamento dell’utilizzo degli spazi tramite sensori di presenza e luminosità. Gli alloggi inoltre sono gestiti tramite badge, al fine di minimizzare i consumi in assenza degli ospiti.

Tariffe

Camplus Venezia Santa Marta nasce con l’intento di favorire l’offerta di alloggi a canone calmierato agli studenti del capoluogo veneto: la Residenza riserva 82 posti letto agli assegnatari del bando Esu ed altri 250 a tariffe agevolate stabilite dal Contratto Abitativo Concertato del Comune di Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button