Furti e borseggi a Venezia: carabinieri denunciano 7 persone

I Carabinieri del Nucleo Natanti, in diverse attività di polizia giudiziaria, portate a compimento nell’ultima settimana nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio messi in atto dal Comando Provinciale di Venezia, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria, sette persone, responsabili di furti e borseggi.

Furti nei negozi

Gli interventi coordinati tra pattuglie a terra e motovedette in mare, hanno consentito di individuare e fermare, poco dopo la perpetrazione di un furto in un’attività commerciale, tre cittadini italiani, con precedenti specifici per reati della stessa indole. Gli stessi, all’atto di essere fermati, erano pronti a colpire ancora in altri negozi della zona. Gli arnesi da scasso rinvenuti e parte della refurtiva sono stati sequestrati.

Bloccata borseggiatrice

Qualche giorno più tardi, è stata invece bloccata, nei pressi di Rialto, una giovane donna di etnia ROM, anch’essa con precedenti di polizia, la quale dopo aver borseggiato una coppia di turisti cinesi, ha tentato di darsi alla fuga ma grazie alle indicazioni di alcuni passanti, che hanno immediatamente contattato il “112”, è stata bloccata dall’equipaggio di una motovedetta in turno di vigilanza sul Canal Grande.

Altri interventi

Due notti fa, inoltre, un cittadino bengalese, residente in provincia di Pordenone, è stato colto nella flagranza del reato di invasione di edifici, perché, dopo aver divelto con degli arnesi da scasso il lucchetto posto a chiusura di un locale commerciale, si è introdotto al suo interno occupandolo.

Nell’ambito degli stessi servizi di controllo del territorio, sono stati infine denunciati due donne, di origini una italiana e l’altra rumena, perché inottemperanti al Foglio di Via Obbligatorio dalla città di Venezia, emesso nei loro confronti dopo la commissione di diversi reati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here