Articoli di Salute e benessere

Dentisti di Venezia: controlli gratuiti contro il cancro orale

Riprende in occasione della giornata dedicata da Andi la prevenzione del tumore alla bocca. Proseguirà fino al 18 giugno

Riprende, sabato 15 maggio, l’appuntamento con la prevenzione del tumore alla bocca, organizzato da fondazione Andi e che coinvolge in provincia di Venezia oltre 70 dentisti.

L’iniziativa dei Dentisti

“L’edizione di quest’anno – spiega il presidente di Andi Venezia (Associazione Nazionale Dentisti Italiani), Filippo Stefani – non prevede, a causa della pandemia in corso, la presenza di stand informativi nelle piazze. Ma sarà possibile, a partire dal 17 maggio e fino al 18 giugno, trovare sul sito oralcancerday.it o chiamando l’ 800 058 444 il dentista più vicino presso il quale effettuare una visita gratuita di controllo”. I tumori “testa collo” rappresentano il 5% dei tumori giovanili negli uomini e nella fascia 50-69, mentre nelle donne sono l’1% a qualunque età.

Differenze tra nord e sud

Il nord continua a detenere un triste primato: il tasso di prevalenza per 100.000 abitanti, che è più alto rispetto al centro e al sud. È quindi importante un’adeguata prevenzione ed una diagnosi precoce: quando il carcinoma è rilevato e curato nelle sue fasi iniziali, infatti, si ottiene una guarigione che va dal 75% al 100% dei casi, con interventi terapeutici poco invasivi.

“Aver ripreso la nostra consueta campagna di prevenzione assume un particolare significato in questo difficile momento – aggiunge Stefani – perché ha il valore di una ripartenza non solo nei settori economici e delle relazioni sociali, ma soprattutto nelle attività di prevenzione e nella continuità terapeutica di importanti malattie che è stata messa duramente sotto attacco dal Covid-19.

I dati

Dati diffusi dall’associazione “Salutequità” mostrano come gli screening oncologici siano letteralmente crollati, compromettendo pesantemente la prevenzione.

Nel periodo gennaio- settembre 2020 rispetto allo stesso periodo 2019 hanno registrato infatti un – 48,3%: una riduzione che ha prodotto 13.011 minori diagnosi tra lesioni, carcinomi e adenomi avanzati. Un allarme lanciato anche dalla Fnomceo (Federazione Nazionale Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button