Articoli di Cultura e Spettacolo

Orto botanico dell’Abate Farsetti: Vedovato svela i segreti

Considerato tra i più grandi e belli d’Europa, sarà al centro di una serata promosso dalle Pro Loco del Decumano nel teatro di villa Farsetti venerdì 7 ottobre

Considerato tra i più grandi e belli d’Europa, sarà al centro di una serata promosso dalle Pro Loco del Decumano nel teatro di villa Farsetti venerdì 7 ottobre, con Loris Vedovato. Anche Santa Maria di Sala, come la vicina Padova, ebbe il suo orto botanico. Lo realizzò nella sua meravigliosa villa il ricco e colto abate veneziano Filippo Farsetti.

Era la seconda metà del ‘700. A detta dei contemporanei pare fosse tra i più grandi e belli d’Europa. A questo tesoro del territorio, di cui oggi rimane ancora qualche traccia, è dedicato l’ultimo appuntamento della rassegna “Sotto le stelle… a parlar di Veneto” organizzata dalle Pro loco del Decumano.

Programmazione incontro sull’orto botanico

L’incontro, in programma venerdì 7 ottobre, presso il teatro di villa Farsetti (inizio ore 21), vedrà protagonista l’ing. Loris Vedovato, cultore e appassionato della storia del complesso salese, tanto da risiedere proprio nell’edificio che fu l’abitazione dell’Abate Farsetti.

Le parole di Loris Vedovato:

“Sono numerosi i viaggiatori che si fermavano a visitarlo, come pure gli studiosi e gli appassionati di botanica che vi si recavano a studiare le piante, molte delle quali figurano tra le prime ad essere state coltivate in Italia, contribuendo al progresso di questa scienza” anticipa Vedovato.

Durante la serata, anche con l’aiuto di immagini, lo studioso illustrerà la storia dell’orto, le sue caratteristiche, le peculiarità delle collezioni ed anche alcune curiosità, mettendone in risalto la particolare importanza assunta tra gli altri orti botanici dell’epoca, sia pubblici che privati.

La serata sarà allietata da alcuni intermezzi teatrali a cura dell’attore Davide Stefanato. Per partecipare inviare una mail a info@prolocoitalia.it.

Leggi anche: Autunno in festa 2022, un’edizione “Green” per riscoprire il territorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button