Articoli di Salute e benessere

Ulss4, medici di famiglia: disagi in via di risoluzione

A Torre di Mosto, Eraclea e Cavallino Treporti la riduzione di medici di famiglia dell'Ulss4 è la causa di molti disagi

In queste ultime settimane l’azienda Ulss4 è impegnata nel far fronte ad alcune situazioni critiche riguardanti l’assistenza territoriale dei Medici di Medicina Generale. In questo contesto, sia in ambito regionale che nazionale, la domanda supera la disponibilità di professionisti presenti sul mercato del lavoro. Attualmente sono due le situazioni più critiche che si presentano in questo panorama.

Le criticità

La prima criticità riguarda la copertura assistenziale a Torre di Mosto e ad Eraclea, dove dal 1 aprile cesserà l’attività una dottoressa di medicina generale con ambulatorio nei due comuni. La stessa ha rassegnato le dimissioni. In questo caso è già stato individuato e contattato un medico che ha dato disponibilità a subentrare alla dimissionaria. Non solo. Già nei prossimi giorni un altro medico svolgerà servizio in entrambi gli ambulatori sino all’arrivo del sostituto l’1 aprile.

La seconda criticità riguarda il trasferimento di una dottoressa dall’ambulatorio di Treporti a quello di Ca’ di Valle sempre all’interno del Comune di Cavallino Treporti. La dottoressa continuerà a garantire l’assistenza ai cittadini nell’ambulatorio di Ca’ di Valle che è il secondo ambulatorio, essendo titolare a Jesolo. Infatti lo ha ritenuto essere più confortevole oltre che condiviso con un altro medico ed alcuni servizi territoriali dell’Ulss4.

Ulteriori sostituzioni per l’Azienda sanitaria

Sempre riguardo Cavallino Treporti sono pervenute inoltre, in questi giorni, le dimissioni di un altro medico di medicina generale con decorrenza 1 maggio. L’Azienda sanitaria si è subito attivata per cercare un sostituto. A colui che sarà scelto, avrà la facoltà di svolgere l’attività nell’ambulatorio del dimissionario a Cavallino. In alternativa si è liberato un ambulatorio anche a Treporti.

L’Ulss4 sottolinea che, come previsto da contratto di lavoro nazionale, il medico di medicina generale designato può scegliere autonomamente la sede nella quale svolgere la propria l’attività ambulatoriale. L’unico vincolo sarà il Comune assegnato dall’Azienda Sanitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button