Tutto pronto per il Festival della Politica 2019 a Mestre

Tutto pronto per il Festival della Politica 2019, in programma dal 5 al’8 settembre, con anteprima domani, mercoledì 4. Nelle piazze del centro di Mestre è in corso l’allestimento delle varie location (piazza Ferretto, piazzetta Pellicani, Auditorium M9, Chiostro M9, piazzetta Battisti, Arena Toniolo, ex emeroteca). Sarà un festival sostenibile e #plasticfree, in quanto verranno utilizzate borracce in alluminio e bicchieri biodegradabili.

Inaugurazione

L’inaugurazione è in programma alle 18.15 nell’Auditorium M9 con una lectio magistralis di Gian Enrico Rusconi, dal titolo “A trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino. Come sta cambiando l’Europa” con una premessa di Renzo Guolo. La lectio introdurrà il tema, che sarà uno dei fili conduttori degli incontri del Festival, dedicato quest’anno al trentennale dalla caduta del Muro: un trentennio in cui la fine della competizione tra i due grandi grandi blocchi politici, Usa e Urss, non ha portato alla fine della Storia come presagiva il politologo Francis Fukuyama ma ha inaugurato una nuova stagione assai più incerta e oggi sempre più dominata da nuovi attori politici di cui è difficile capire le reali intenzioni sul campo.

Prima, alle 17.00, nel Chiostro M9, è in programma la presentazione di “Lettere dal Nordest”, libro collettivo curato da Elisabetta Tiveron e Cristiano Dorigo, che racconta il nostro territorio a più voci, tra cui Gianfranco Bettin, Fulvio Ervas, Federica Sgaggio, che interverranno alla presentazione. Tra gli altri il libro contiene testi di Tiziano Scarpa, Patrizia Laquidara, Gianmario Villalta.

Festival della Politica 2019

Nicola Pellicani: “Quest’anno il Festival si svolge nel pieno di una crisi di governo. E a maggior ragione sarà ‘occasione per affrontare gli argomenti di attualità politica all’interno di un contesto che riguarda i Grandi Temi della Politica che sono alla base di questa stagione di grandi sconvolgimenti mondiali. Vale a dire la diffusione dei sovranismi, le guerre economiche tra Usa e Russia, la crisi della democrazia rappresentativa, il destino dell’Europa. Tutte questioni che sono alla base della crisi italiana e internazionale. Il Festival della Politica anche quest’anno offrirà un’occasione ai cittadini per ragionare attorno a questi temi in modo approfondito, al di fuori di polemiche e di luoghi comuni”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here