Servizi Cultura e spettacolo

Teatri La Fenice e Malibran: spettacoli al 100%

Nei giorni 16 e 17 ottobre, gli spettacoli alla Fenice e al Malibran sono tornati a capienza 100%, facendo sperare un ritorno alla normalità.

Per i teatri “La Fenice” e “Malibran”  sabato 16 e domenica 17 ottobre 2021 sono stati all’insegna di spettacoli a capienza 100%, con l’orchestra in buca e il pubblico alla platea. Insomma, una normalità che ha fatto tirare un sospiro di sollievo, soprattutto al sovrintendente Fortunato Ortombina, che anche nei momenti peggiori non ha mai mollato.

L’intervento del sovrintendente Fortunato Ortombina

Fortunato Ortombina, direttore artistico e sovrintendente del Teatro La Fenice: ” Dopo due anni, la nostra orchestra è tornata sul palcoscenico, dopo che è stata in ‘platea’. Ora è arrivato il turno del pubblico a sedere in platea, mentre l’orchestra è tornata alla sua collocazione originaria.”

Teatri La Fenice e Malibran: nuovi spettacoli

Al Malibran è andato in scena, per la prima volta in tempi moderni, Engelberta, titolo dimenticato del compositore veneziano Tomaso Albinoni (1671-1751). Si tratta di un dramma per musica in cinque atti su libretto di Apostolo Zeno e Pietro Pariati e fu rappresentato per la prima volta il 26 dicembre 1708 al Teatro San Cassiano di Venezia.

“Un’opera rarissima, che è mancata dal 1709 e non era più stata fatta. È stato possibile assisterla al teatro Malibran, alla capienza del 100 %. Lo stile, assolutamente originale di questo importantissimo compositore veneziano, ci ha portato a cogliere la grande personalità di questa regina, Engelberta. Questo progetto lo abbiamo realizzato in collaborazione con il Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia, diretto dal maestro Erle, e con la regia di Francesco Bellotto. È stato uno spettacolo molto interessante per chi ha già assistito alle prove. I giovani solisti di canto del Conservatorio hanno preso parte allo spettacolo. È un appuntamento a cui non si può assolutamente mancare. ”

Mentre alla Fenice il maestro Hartmut Haenchen ha diretto la Terza Sinfonia di Johannes Brahms e la Terza Sinfonia di Anton Bruckner, due proposte di altissima qualità.

“Domenica 17 ottobre pomeriggio abbiamo avuto un grande repertorio sinfonico con Hartmut Haenchen, grandissimo esponente dell’ambito romantico tedesco. Il maestro ci ha ha fatto sentire con l’Orchestra della Fenice la Sinfonia n°3 di Johannes Brahms e quella di Anton Bruckner.  Si è trattato di un programma molto ampio, che ci ha portato vicino a questi due grandi della Wiener Philharmoniker.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button