Servizi Economia e società

Tavole Tauriliane: 250 coperti per i poveri di Padova

Prodotti vicini alla scadenza, merce invenduta, eccedenze agricole, la Provincia di Padova in collaborazione con la diocesi e le Acli coordina le donazioni per aiutare chi è in difficoltà, soprattutto a causa dell'emergenza covid-19

Gli chef delle Tavole Tauriliane hanno realizzato una vera staffetta di solidarietà e preparato il pranzo per i 250 ospiti delle Cucine Popolari. L’iniziativa organizzata dalla Provincia di Padova, ha voluto dimostrare proprio in questo momento di emergenza, il sostegno e la disponibilità delle Istituzioni verso le persone più fragili. Ad accogliere gli ospiti erano presenti Antonio De Poli, Questore del Senato della Repubblica, Fabio Bui, presidente della Provincia di Padova, Vincenzo Gottardo, vicepresidente della Provincia di Padova, Suor Albina Zandonà, direttrice Cucine Economiche Popolari, Nicola Lionello, presidente Tavole Tauriliane, Don Marco Cagol, vicario episcopale per i rapporti con le Istituzioni, Don Luca Facco, direttore di Caritas Padova.

La provincia di Padova

“Il ruolo di amministratore – ha detto Fabio Bui – deve esercitarsi prioritariamente nei luoghi del bisogno per conoscere e affiancare le straordinarie persone che quotidianamente lavorano per dare risposte concrete. La generosità dell’Associazione Tavole Tauriliane è stata particolarmente significativa se pensiamo che in questo momento anche i ristoratori stanno attraversando un periodo difficile dovuto all’emergenza Covid19, tuttavia la risposta è stata generosa e immediata”.

Tavole Tauriliane

E’ stato servito un risotto con asparagi bianchi e verdi di Pernumia, una pasta corta al pomodoro e basilico e/o all’olio di oliva dei nostri Colli Euganei, pollo di corte degli allevamenti padovani accompagnato da croccanti patate al forno e per finire una focaccia casalinga.

“La possibilità di coniugare i piatti della tradizione – ha detto Vincenzo Gottardo – con i prodotti dei Colli Euganei è un’occasione esclusiva che i ristoratori delle Tavole Tauriliane vogliono dedicare con grande generosità agli ospiti delle Cucine Popolari. Sono oltre 250 i pasti preparati dagli chef dei più rinomati ristoranti dei Colli Euganei che hanno messo a disposizione sia le materie prime, sia il loro tempo e la loro professionalità per questo grande gesto di solidarietà.

Alle cucine popolari c’è molto da ascoltare e molto da imparare per cui è un bell’esempio che possiamo dare anche come persone, oltre che come rappresentanti istituzionali. La Provincia deve essere un’Istituzione presente nel territorio anche per accompagnare realtà virtuose come questa. I fatti valgono più di mille parole e ci sono persone che nel silenzio della quotidianità rappresentano davvero la speranza per un futuro migliore, per questo desidero ringraziare personalmente suor Albina e tutti i volontari che quotidianamente dedicano il loro tempo a favore degli ultimi. Desidero rivolgere un ringraziamento particolare alle Tavole Tauriliane per la loro disponibilità, con l’auspicio che questo gesto di generosità possa essere di buon auspicio per la loro ripresa lavorativa dopo questa emergenza”.

La proposta dei ristoratori

“Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta dei ristoratori delle Tavole Tauriliane – ha detto Suor Albina – perché la nostra realtà vive soprattutto di solidarietà. La distribuzione dei pasti, sebbene con modalità e orari diversi dall’ordinario, continua ad essere garantita, gli ingressi sono contingentati e la disposizione dei tavoli è stata modificata per mantenere il distanziamento necessario tra le persone. La generosità dei ristoratori è un bel segnale di condivisione di un momento di fatica, anche per loro che stanno attraversando un momento critico”.

“Dopo il lungo periodo di blocco forzato per l’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia Covid19 – ha detto Nicola Lionello, presidente Tavole Tauriliane – anche se siamo ancora nella cosiddetta “Fase 2”, verso un ritorno graduale alla normalità, noi ristoratori siamo felicissimi di tornare ai fornelli anche solo per un giorno, ricominciando soprattutto con un gesto di solidarietà. Vale a dire che in attesa delle decisioni finali del governo sul termine definitivo che ci consentirà di riaprire i nostri e i vostri ristoranti del cuore, le Tavole Tauriliane sono ben felici di scendere in campo a fianco di Suora Albina delle Cucine Economiche di Padova per preparare circa 230/250 pasti per quanti sono ancora più sfortunati di noi. Al vice presidente della provincia di Padova Vincenzo Gottardo, tra gli artefici dell’evento, va il nostro ringraziamento per averci voluto quali comparse ai fornelli di quello che ci auguriamo sia un pranzo davvero apprezzato dagli ospiti delle Cucine Economiche di Suor Albina”.

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button