Spray urticante all'ospedale dell'Angelo

Presso l’Ospedale dell’Angelo di Mestre, la Polizia ha effettuato altro intervento per segnalazione di una persona che avrebbe spruzzato dello spray urticante all’esterno della sala d’attesa del Pronto Soccorso, comportando l’ingresso dello spray anche all’interno.

Fermata una donna

Sul posto, i poliziotti identificavano una ragazza ventenne la quale aveva accompagnato in ospedale un’amica per visita ginecologica: la stessa dichiarava di aver, poco prima, all’esterno del pronto soccorso, spruzzato dello spray urticante per allontanare due ragazzi che le si erano avvicinati ed avevano adottato comportamenti molesti, utilizzando una bomboletta in libera vendita acquistata da un tabacchino.

Spray urticante

Al rientro delle due ragazze dentro la sala d’attesa, a causa dell’apertura delle porte, parte
dello spray erogato entrava all’interno comportando fastidi alle persone presenti, nessuna delle quali, tuttavia, riportava esiti di intossicazione né richiedeva cure o trattamenti medici.

Sono in corso accertamenti da parte della Polizia di Stato per la verifica di elementi di riscontro rispetto a quanto dichiarato dalle due ragazze, anche ai fini dell’identificazione dei due autori dei comportamenti molesti che sono stati riferiti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here