Servizi Economia e società

Speedline: bocciato il piano di rilancio

Di male in peggio a Santa Maria di sala dove a deludere gli operai della Speedline è arrivata la notizia del no definitivo del Ceo Ronal Oliver Bauner al piano di rilancio

“Non piace ai vertici della Speedline di Santa Maria di Sala il piano di rilancio presentato dal Ministero dello Sviluppo. “Troppo ottimistico e difficilmente attuabile”. Parole tranchant che non fanno presagire aperture su questo fronte da parte del CEO Ronal Oliver Brauner.

L’apertura di Oliver Brauner, CEO di Speedline

Però nel vertice con il Ministero e l’assessore al lavoro Elena Donazzan, l’amministratore delegato chiudendo una porta ne ha aperta un’altra, ossia ha parlato di essere disponibile a vendere l’azienda o, in alternativa, di valutare l’ingresso di nuovi soci.

Il progetto di delocalizzazione della Speedline

Aperto questo spiraglio, l’amministratore delegato ha comunque annunciato che intende inviare negli stabilimenti cechi e polacchi i campioni dei cerchi in lega commissionati dalla Volkswagen. E dunque intende procedere con il progetto della delocalizzazione.

La minaccia del sindacato

I 600 addetti intanto che esistevano all’inizio dell’annuncio della chiusura nella Città Metropolitana veneziana sono diventati 550.

Lunedì 23 è previsto un altro incontro tra proprietà e organizzazioni sindacali. I sindacati minacciano di riprendere lo stato di agitazione se l’azienda non continuerà la produzione oltre il 31 dicembre di quest’anno. LEGGI ANCHE: Speedline: il Presidente Zaia incontra i sindacati

Il tentato furto

Dallo sfondo emerge un tentativo di furto di cerchi in lega. Accaduto la scorsa settimana ed emerso soltanto perché gli autori del furto sono comparsi in tribunale a Venezia per un procedimento pubblico penale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button