Articoli di Cronaca

Spacciatore colto in flagranza, aggredisce gli agenti

E' successo in via Dante a Mestre. Pusher e cliente raggiunti da provvedimento di daspo e sanzionati con 850 euro ciascuno

Nuovo intervento della Polizia locale di Venezia contro lo spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri pomeriggio, 3 gennaio, intorno alle 16.30, operatori in borghese del Nucleo operativo insieme a personale in uniforme del Nucleo cinofilo del Corpo hanno colto in flagranza, in via Dante a Mestre, un giovane mentre riceveva un involucro di marijuana in cambio di una banconota da uno spacciatore di origini africane.

L’acquirente, un cittadino ucraino di 22 anni residente a Mira, si è quindi allontanato verso via Sernaglia.  Fermato dagli operatori in borghese mentre gettava a terra la sostanza stupefacente per eludere i controlli.

Lo spacciatore

Lo spacciatore, vista la presenza delle pattuglie, è corso invece verso il sottopasso ciclo pedobale, dove è stato raggiunto dagli operatori del Nucleo cinofilo. Dopo una breve colluttazione durante la quale lo spacciatore ha cercato di colpire gli agenti con calci e pugni, il pusher è stato immobilizzato.

La denuncia

Denunciato quindi lo spacciatore, un giovane di 22 anni, di nazionalità nigeriana, domiciliato a Torino con regolare permesso di soggiorno, con un precedente nel 2020 per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Sanzionato amministrativamente insieme all’acquirente ai sensi del regolamento di Polizia e Sicurezza Urbana con relativo ordine di allontanamento dal Comune di Venezia.

Sanzionati, per un totale di 850,00€ ciascuno, per la violazione delle misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19. Sorpresi rispettivamente al di fuori della propria regione e Comune di residenza senza comprovata esigenza lavorativa o di necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock