Articoli di Cronaca

Sicurezza a Jesolo: arrivati nuovi uomini per le forze dell’ordine

Da oggi la città potrà contare su ulteriori aggregati per l’Arma dei carabinieri e la Guardia di Finanza. Il Comune si costituirà parte civile per i fatti accaduti martedì sera

Venerdì pomeriggio il sindaco, Christofer De Zotti, ha partecipato a un incontro con il Prefetto di Venezia, Vittorio Zappalorto, presso gli uffici governativi di Ca’ Corner a Venezia sulla sicurezza a Jesolo. L’appuntamento, seguito anche dal comandante della Polizia locale di Jesolo, Claudio Vanin, ha avuto come tema centrale quello della sicurezza in città.

Sicurezza a Jesolo

Nel corso dell’incontro, il prefetto ha comunicato l’arrivo in città a partire da oggi, lunedì 1 agosto di nuovi uomini delle forze dell’ordine. Più nello specifico, gli organici di Jesolo saranno potenziati con 15 aggregati per l’Arma dei carabinieri e 10 per la Guardia di Finanza.

La sparatoria

Sul tavolo di confronto anche i fatti di violenza registrati martedì sera, 26 luglio, in un’area periferica del lido e le conseguenze di questi sull’immagine della città. Il sindaco De Zotti ha così ribadito al prefetto la massima fiducia riposta negli organi inquirenti chiamati a ricostruire la vicenda e, al contempo, ha dichiarato l’intenzione di costituire il Comune di Jesolo quale parte civile nell’eventuale procedimento penale a carico dei soggetti coinvolti nell’episodio.

Il commento del sindaco

“Voglio ringraziare il signor prefetto per lo spirito di collaborazione che siamo riusciti a costruire in così breve tempo e che ha già portato a dei risultati concreti, da un lato con la riduzione degli episodi di microcriminalità e spaccio su cui stanno agendo le ordinanze emanate un mese fa, dall’altro con l’arrivo in città di rinforzi – dichiara il sindaco della Città di Jesolo, Christofer De Zotti -. Non siamo più disposti a tollerare la presenza in città di criminali e delinquenti. Jesolo va difesa e tutelata, in ogni sede e con ogni strumento. Per questo seguiamo con attenzione l’evolversi delle indagini condotte dalle forze dell’ordine, che ringrazio per il grande impegno dimostrato fin da subito, e siamo pronti a costituirci parte civile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button