I cambiamenti climatici e il conseguente verificarsi di eventi atmosferici estremi, quali per esempio precipitazioni di forte intensità e periodi di alte temperature e siccità prolungati, hanno posto all’attenzione del mondo agricolo (e non solo) il tema della gestione della rete idraulica. La manutenzione dei corsi d’acqua, finalizzata alla conservazione dell’efficienza idraulica, del drenaggio dei terreni e del deflusso delle portate di piena, va svolta non perdendo mai di vista l’efficienza dell’ecosistema agrario, anche attraverso lo sfalcio delle rive sia dei corsi d’acqua consortili che di quelli aziendali.

Sfalcio delle rive

L’iniziativa, finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale del Veneto, ha fatto vedere in azione le più moderne attrezzature a disposizione per una gestione ecologicamente compatibile della vegetazione lungo le rive dei corsi d’acqua.

Nello specifico, le dimostrazioni dinamiche e statiche si svolgeranno lungo il Canale Carmason e il Fiume Zero, dove gli operatori spiegheranno le funzioni di una serie di macchine e attrezzature destinate alla manutenzione delle rive, alla potatura delle siepi, al taglio dell’erba, ecc.

Allo scopo entreranno in funzione escavatori, robot radiocomandati, semoventi, trince, cesoie, troncarami, una barca diserbatrice, ecc. con l’obiettivo di spiegare l’importanza della buona manutenzione dei corsi d’acqua. L’area dimostrativa è situata in via Grigoletto e Pasqualato a Bonisiolo di Mogliano Veneto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here