Servizi Cronaca

Elettrodomestici pericolosi: maxi sequestro da 2 milioni di euro

Materiali elettrici ed elettronici senza dispositivi di sicurezza intercettati dalle fiamme gialle a Venezia est. Il carico è la punta di un iceberg di un traffico illegale che rappresenta gravi rischi per i compratori e per l'ambiente

La guardia di finanza ha fermato al casello di Venezia Est un autoarticolato telonato proveniente dal valico di Tarvisio. Era carico di elettrodomestici come articoli per la cucina (frullatori, friggitrici, bilance); per l’auto (sensori di parcheggio, cavi delle batterie); la casa e il tempo libero (stereo, fari a led, telecamere, lampade, autoparlanti, mouse, tastiere, amplificatori, calendari digitali, batterie); la cura della persona (piastre per capelli). Tutti rigorosamente senza le dichiarazioni di conformità della comunità Europea e, anzi, con il marchio contraffatto.

Elettrodomestici pericolosi

La Procura della Repubblica di Treviso ha pertanto denunciato il conducente e l’importatore per i reati di tentata frode in commercio e distribuzione di prodotti pericolosi. L’operazione di sequestro si inserisce in una strategia messa in atto dalle Fiamme Gialle.

Da tempo si è scoperto che nei porti di Capodistria in Slovenia e del Pireo in Grecia  giungono quantità sterminate di prodotti realizzati in Cina, contraffatti e destinati al mercato italiano.

Per evitare i controlli delle autorità vengono sdoganate nei Paesi dell’Est, attraverso società di comodo. E trasportate in Italia illegalmente da aziende di trasporto estere attraverso i valichi con la Slovenia e poi le province di Trieste, Udine e Gorizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button