Servizi Cronaca

Sei bracconieri denunciati sul Delta del Po

I bracconieri cacciano le specie protette in una della oasi europee più importanti in Europa per gli uccelli migratori. I carabinieri hanno dato la caccia a loro scovandone sei e sequestrando 10 mila proiettili nel Delta del Po

Sei bracconieri denunciati scoperti con ventiquattro esemplari di volatili uccisi sul Delta del Po, tra i quali un’oca selvatica, una specie protetta. La sezione speciale dei Carabinieri impegnata a contrastare i reati contro gli animali di Venezia e Verona, ha concluso in queste ore l’operazione Delta del Po. Ha portato anche al sequestro di quasi diecimila cartucce detenute in una casa di caccia di due persone senza licenza.

Ecco perchè la zona del Delta del Po è così ricca di volatili

La zona del Delta è considerata una area preziosa a livello internazionale. Questo perchè si trova lungo le rotte migratorie scelte da migliaia di volatili. Si spostano dai loro habitat riproduttivi dal Nord d’Europa all’Africa per lo svernamento.

L’area tra fiume Adige e Po attira i voltatili. Purtroppo anche i bracconieri, tanto che il territorio è uno dei più caldi sul fronte della caccia abusiva di selvaggina. Prede che finiscono poi anche nei ristoranti. Ad esempio in un caso i militari hanno trovato offerte nei menù specie protette come l’Alzavole.

Una zona black spot

Il Delta del Po è uno dei sette black spot individuati dal piano di azione nazionale per il contrasto degli illeciti contro gli uccelli selvatici che vedono impegnati numerosi militari del comando Unità Forestali e ambientali e agroalimentari, Carabieniri in specifiche campagne anti-bracconaggio a tutela del patrimonio Avifaunistico dello stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button