sanremo
La copertina dell’EP di Mahmood “Gioventù bruciata”, che sarà anche il titolo dell’imminente album di debutto.

Come a Sanremo, “Soldi” di Mahmood è prima in tutte le classifiche, mentre scemano le polemiche che hanno contrapposto alcuni giornalisti a Ultimo e Il Volo.

Dopo le polemiche, i fatti: la contestata canzone vincente di Sanremo 69, “Soldi” di Mahmood, è in vetta a tutte le classifiche, da iTunes alle radio, passando per Spotify, dove è presente anche nella Top50 Globale, con il merito di essere il brano italiano con l’ingresso più alto di sempre nella graduatoria mondiale. L’album d’esordio di Alessandro (il suo nome all’anagrafe, Mahmoud il cognome) intitolato “Gioventù bruciata”, come la canzone che ha vinto a Sanremo Giovani, sarà pubblicato il primo marzo prossimo.

Per il mese di aprile è invece annunciato “Colpa delle favole” del “rivale” Ultimo, il secondo classificato al Festival anticipa (QUI) per fine mese la pubblicazione del nuovo singolo “Fateme cantà”, in dialetto romano, dopo aver chiuso la parentesi Sanremo scrivendo: «È ora di voltare pagina e far parlare i fatti. Di far parlare la musica».

Ieri sera nell’annunciata ospitata al programma radiofonico di Fiorello, “Il Rosario della Sera“, su proposta del conduttore ha fatto un gesto distensivo nei confronti dei giornalisti dedicandogli un pezzo dei Thegiornalisti, Riccione, con il testo cambiato in «Sotto il sole, di Sanremo, quasi quasi mi pento… e non ci penso più».

Anche i terzi classificati, il baritono e i due tenori de Il Volo, hanno avuto degli screzi con gli addetti ai lavori, subendo dei coloriti insulti dalla sala stampa – testimoniati da alcuni video – durante l’annuncio della loro posizione. Dopo aver atteso qualche giorno «per essere lucidi e dire la nostra su quanto accaduto», scrivono QUI di considerare le parole offensive pronunciate da alcuni «una vera e propria forma di bullismo… un insulto, prima che a noi, a tutti i colleghi giornalisti che svolgono il proprio lavoro in maniera seria e professionale»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here