San Donà di Piave: ciclisti e podisti vogliono trovare una soluzione per praticare il loro sport.

Da una parte i ciclisti che con le loro bici da cross sfrecciano sul Bim, dall’altra i podisti che si sentono in pericolo per la velocità in cui le biciclette percorrono i tratti di pista lungo le rive del fiume Piave. Ecco quali sono le proposte per evitare che accadano incidenti facendo così convivere i due tipi di sport.

2 Commenti

  1. La trovo una cosa bella sicuramente ma assolutamente inutile ai fini della sicurezza che potrebbe essere molto maggiore anche ora se non ci fosse gente, da ambo le parti, che percorre quei sentieri con cuffie.
    Io percorro quei tratti almeno 3 volte la settimana e non manca mai che corre con le cuffie alle orecchie in centro percorso.
    Prima di ogni curva o si fischia o si urla, e lo facciamo in molti, ovvio che con le cuffie non si sente nessun avviso su nessun percorso e con le stesse ci si spaventa quando si viene sorpassati, anche a velocità contenute, sicuramente superiore della velocità che si fa a piedi.

  2. Mai usate le cuffie o auricolari purtroppo qualcuno non avvisa che arriva lanciato con la bicicletta è anche vero però che ci sono anche quelli che corrono con le cuffie o auricolari quindi basterebbe un po’di buon senso da entrambe le parti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here