san dona

All’ospedale di San Donà gli utenti disabili possono usufruire dell’anestesia per le cure odontoiatriche sotto la supervisione del dottore Michele Capuzzo

Lunedì mattina i primi due pazienti diversamente abili si sono sottoposti al trattamento odontoiatrico in anestesia generale. Le loro condizioni psicofisiche non permettevano il trattamento consueto. Ad esempio l’estrazione di un dente in anestesia locale, in quanto tale procedura sarebbe stata rischiosa per la loro salute.

I due hanno potuto usufruire del nuovo servizio coordinato dal primario della Odontostomatologia di San Donà, dottor Michele Capuzzo. Tale servizio si aggiunge ai vari trattamenti già in essere per i pazienti in carrozzina che in questa unità operativa, da  agosto 2017 (prima in Italia), possono utilizzare un’apposita poltrona odontoiatrica che accoglie contemporaneamente paziente e carrozzina.

“In precedenza le persone diversamente abili dovevano rivolgersi a strutture ben più lontane del Veneto orientale per questa tipologia di cure- spiega il dottor Capuzzo – . Ora si evita loro di rivolgersi a cure maxillofacciali perché patologie di entità lieve e media, come la rimozione di cisti mascellari ed altre, le facciamo all’ospedale di San Donà”.

Proprio come in un intervento chirurgico a tutti gli effetti, in sala operatoria presenzieranno un chirurgo odontoiatrico, anestesista, personale infermieristico. Si ricorda che l’accesso a queste prestazioni avviene sempre tramite prenotazione al Centro Unico delle Prenotazioni (dalla mail all’applicazione iCup Mobile per il telefonino). I paziente verrà visitato da un chirurgo odontoiatrico che valuterà la cura più adeguata al singolo caso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here