La Voce della Città Metropolitana

Ristorazione e coronavirus: a parlarcene è Giovanni D’Este

Andiamo a parlare con Giovanni D'Este, ristoratore, che ha un'attività a Venezia, in zona Rialto, che rappresenta un'eccellenza. L'oste ci parlerà anche degli effetti del coronavirus sul turismo enogastronomico.

Ristorazione e coronavirus: a parlarcene è Giovanni D’Este, proprietario dell’enoteca “I Rusteghi” a Venezia in zona Rialto, eccellenza gastronomica della città. Si tratta di un oste di “seconda generazione” in quanto ha ereditato l’attività dal padre, ma la completamente rinnovata. È passato da “semplice” cicchetteria a vera e propria enoteca. Questo cambiamento gli ha permesso di ricevere il riconoscimento “I tre cavatappi” dato dal Gambero Rosso. L’idea di abbandonare i cicchetti è stata determinata dall’ampia concorrenza nel settore e dalla volontà di presentare qualcosa di nuovo.

Ristorazione e coronavirus

L’offerta della cucina sono principalmente formaggi e affettati, ma non mancano anche “piatti intelligenti”. Giovanni D’Este afferma di aver puntato sulla produzione di pochi piatti fatti con cura e qualità.Nel suo ristorante si possono trovare anche dei vini per cui ha l’esclusiva. Inoltre il ristorante propone, occasionalmente, dell’intrattenimento durante la serata.

La clientela

La clientela non è molto autoctona, forse anche a causa dei prezzi un po’ alti, nonostante il principale obiettivi che l’oste si era posto fosse quello di rivolgersi proprio ai veneziani. Per questa ragione ha deciso di tornare a rivolgersi ai turisti, che, però, sono andati diminuendo a causa dell’acqua alta e della minaccia coronavirus. La paura per l’epidemia non fa uscire la gente di casa e questo ha, chiaramente, effetti negativi sulla ristorazione. Il ristoratore, però, è ottimista, spera che la Biennale Architettura possa essere una rinascita per la città e, perché no, anche la sua attività.

L’attività di Giovanni D’Este permette anche di indirizzare i turisti in altre zone, come per esempio quella dei Colli Euganei, confermando la funzione di Venezia come punto di partenza per un turismo più ampio che abbraccia tutto il Veneto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button