Articoli di Economia e società

Riqualificazione di Palazzo Manfrin: ok del Consiglio Comunale

C'è il via libera del Consiglio comunale per la realizzazione di una sede espositiva e atelier d'artista a Cannaregio

Il Consiglio comunale ha approvato con 33 voti favorevoli la delibera con la quale si autorizza l’intervento di riqualificazione di Palazzo Manfrin a Cannaregio per la realizzazione di una sede espositiva e atelier d’artista. Il progetto è stato presentato dalla società Palazzo Manfrin S.r.l. che intende realizzare una sede espositiva e atelier dell’artista Anish Kapoor.

Riqualificazione di Palazzo Manfrin

Nello specifico dei lavori, il piano terreno ospiterà una Galleria a fini espositivi, un bookshop accessibile dalla fondamenta che si affaccia sul Canale di Cannaregio e spazi didattici e ricreativi, oltre che una superficie destinata ad accogliere dotazioni impiantistiche. Il primo piano e il secondo piano nobile avranno funzione espositiva e accoglieranno le opere d’arte più significative. I livelli superiori sono riservati alla funzione di atelier, archivio e deposito delle collezioni. Dell’antico apparato decorativo nell’ala di levante del Palazzo sarà assicurata la conservazione, previo idoneo consolidamento. Il palazzo sarà infine dotato di impianti concepiti nel rispetto della normativa per strutture espositive.

Per raggiungere questo obbiettivo il Consiglio ha autorizzato la realizzazione del progetto in variante agli strumenti urbanistici vigenti, in base alle disposizioni dell’art. 24, comma 2 bis, della L.R. n. 27 del 07.11.2003, riguardanti gli interventi pubblici o d’interesse pubblico. La variante non riguarda le destinazioni d’uso, già consentite dal Piano vigente, ma è motivata dalla presenza di alcune previsioni progettuali si discostano leggermente dalle previsioni delle norme urbanistiche comunali e del regolamento edilizio.

Nuove installazioni

In particolare, per la necessità di realizzare, su sedime già edificato, una scala di sicurezza e un ascensore, adeguare le aperture sulle facciate, ricavare un locale interrato sotto lo scoperto di proprietà per l’installazione di vasche per la raccolta delle acque e altri impianti, realizzare una terrazza al quarto piano, sempre per l’installazione di impianti, e una cabina elettrica al piano terra.

E’ previsto anche l’arretramento del cancello di Calle del Vergola verso il parco Savorgnan, in modo da rendere liberamente accessibile il tratto di calle lungo la galleria espositiva. Con la delibera, infine, si autorizza anche l’uso di due modeste porzioni di area comunale per il rinforzo delle fondazioni e la realizzazione della cabina elettrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button