Maria Stella Donà intervista Roberto Martano dell’Enpa di Mira, nello spazio dedicato agli animali. Il rifugio di Mira accoglie ad oggi 170 cani che si vanno ad aggiungere agli oltre 100 in quello di Chioggia, in attesa che venga costruito il canile di San Giuliano.

È stata individuata da poco la ditta che si occuperà dei lavori di ristrutturazione della struttura che permetterà di alleggerire i volontari al lavoro nei centri di Mira e Chioggia.

Rifugio Enpa di Mira

I rifugi sono strutture che servono a gestire situazioni emergenziali, a partire dagli animali vaganti. Vengono proposti due cani in adozione. Il primo, un pastore maremmano maschio, che è stato abbandonato, legato davanti al rifugio di Chioggia.

Il secondo animale è un Rottweiler di sedici mesi di nome Rocky. È un’adozione del cuore: l’animale soffre infatti di crisi epilettiche, da tenere sotto controllo con delle medicine regolari. Le dosi, definite dai veterinari, tengono sotto controllo la patologia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here