ricette

Reginette con Pollo e Tapenade provenzale

Reginette con Pollo e Tapenade, una pastasciutta condita con petto di pollo tagliato a striscioline, la tradizionale salsa provenzale e un po’ di rucola.

Le Reginette con Pollo e Tapenade proposte da “Il ballo è servito” (su Radio Venezia con Sante lo chef della musica) sono caratterizzate dalla salsa tradizionale della Provenza, il cui nome deriva dal termine tapena, in italiano cappero, che non è l’ingrediente principale, ma accompagna olive, sardine, aglio e olio di oliva, in un composto cremoso ed esaltante per le papille gustative.

Tapenade, la caratteristica salsa di origine provenzale

La ricetta è antichissima: c’è notizia di una salsa a base di olive nere e verdi denocciolate e condite con olio e erbe aromatiche, addirittura due secoli prima della nascita di Cristo. Ma la vera evoluzione tapenade la si deve al cuoco Jean-Baptiste Reboul, che pensò di unire tutti gli ingredienti in una salsa che ancora ai giorni nostri è una tra le più gettonate nel sud della Francia.

Come per tutte le ricette tradizionali ogni famiglia ha la sua, con le varianti aggiunte dalle donne provenzali a seconda dei gusti: c’è chi mette il succo di limone o ci grattugia la buccia, altri aggiungono del vino oppure pinoli e ricotta per darle più cremosità, qualcun’altro la profuma con erbe aromatiche. QUI trovate la ricetta, se volete farla in casa. Per la nostra pasta impieghiamo 5 minuti per la preparazione e 15 minuti per la cottura. Per 4 persone:

  • 320 gr di reginette
  • un petto di pollo disossato, privato della pelle e tagliato a striscioline
  • 3 cucchiai di salsa tapenade
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 60 gr di rucola lavata

Reginette con Pollo e Tapenade (la salsa provenzale)

Procedimento: lessate la pasta al dente in acqua bollente salata. Intanto fate cuocere il pollo in una padella capiente con l’olio, a fuoco medio, per una decina di minuti. Scolate le reginette e passatele nella padella con il pollo, unite la tapenade e la rucola, mescolate bene e servite caldo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button