Servizi Salute e benessere

Ragazzi dalla psicoterapeuta: +30% a Venezia

E' aumentato il disagio sociale tra i ragazzi durante il Covid e sono aumentati anche i giovani che non cercano lavoro e non studiano. Per chi vuol saperne di più ci sarà un incontro al Candiani il 7 ottobre

“Sono aumentati i net durante il covid”: lo afferma l’OCS nel suo report annuale secondo cui i ragazzi che non lavorano, non studiano e soprattutto non stanno cercando lavoro sono aumentati di tre punti percentuali da 2020 al 2021. Nella fascia dai 25 ai 29 anni infatti a non lavorare è il 34,6% e dai 20 ai 24 anni la percentuale si è fermato un po’ sotto il 30%, ma è comunque preoccupante.

Lo è ancora di più quello che è accaduto tra i più giovani: una ricerca condotta tra i bambini e adolescenti sarà illustrata il 7 ottobre al centro culturale Candiani a Mestre alle 16 dalla psicologa Paola Scalari. Non solo silenzio, ma anche rifiuto a parlarne su invito  e gli effetti sono devastanti. La socializzazione dei ragazzi ha subito uno stop per questo Paola Scalari lancia un appello a parlare.

Le parole di Paola Scalari, psicologa:

“L’elemento più interessante è che i bambini tacciono. Tacciono per non infragilire ulteriormente quegli adulti che hanno sentito più vulnerabili di fronte all’urto pandemico e quindi per non vederli crollare hanno obbedito, sono adeguati, ma nel loro animo coltivano la paura di essere portatori di morte e di essere contagianti i loro cari. In fondo la morte che ha aleggiato è stata come depositata sui bambini dicendo “Silenziamola.”

“Abbiamo un 30% di più di richieste in neuropsichiatria, un 23% di dispersione scolastica, sono aumentati i suicidi e gli atti di autolesionismo dei ragazzi e anche abbassandosi molto l’età. Abbiamo anche reati informatici molto più significativi.”

“Insomma, i ragazzi non stanno bene, i ragazzi non hanno passato indenni la rottura dei legami sociali. sia all’interno della loro rete famigliare, con i loro nonni, zii, cugini, ma anche amicali. Credo che allora venire con noi a discuterne il 7 ottobre per poter insieme, anche come noi vi suggeriremo, trovare insieme delle piste per ricomporre questa frattura traumatica della socialità, perchè come tutti i traumi magari non la si vede subito l’effetto ma scorre come un fiume carsico e può sempre esplodere.

Leggi anche: Vaccini di ultima generazione nei Centri vaccinali: “Il Covid non è sconfitto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button