Home Notizie Articoli di Economia e società “Pulizie di primavera” per la spiaggia della Laguna del Mort

“Pulizie di primavera” per la spiaggia della Laguna del Mort

Laguna del Mort

Diverse decine di volontari hanno aderito all’iniziativa promossa da Legambiente Veneto Orientale in collaborazione con l’assessorato all’Ambiente della Città di Jesolo per ripulire dai rifiuti la spiaggia della Laguna del Mort e tutelare il sito dal particolare valore ecologico-naturalistico.

Quasi cinquanta sacchi riempiti con ogni genere di rifiuto e poi sdraio, ombrelloni, sedie, bidoni, nasse, surf e addirittura un barbecue ed un congelatore. È quanto raccolto e rimosso dalla spiaggia della Laguna del Mort da decine di volontari proventi da Jesolo, Eraclea e da Comuni limitrofi, in occasione della giornata di pulizia organizzata sabato 9 marzo da Legambiente con la collaborazione del Comune di Jesolo, della regione Veneto, partner nel progetto LIFE REDUNE, e dell’Associazione Sportiva Remiera, nonché con il supporto operativo di Jesolo Patrimonio S.r.l. e Veritas S.p.A.

I volontari hanno setacciato palmo a palmo il litorale del “Mort” recuperando diversi chili di rifiuti, in particolare plastiche, ma in alcuni casi anche elettrodomestici e oggetti ingombranti, in parte trasportati a riva dalle mareggiate e in parte frutto del comportamento incivile delle persone. La Laguna del Mort e la sua spiaggia, estesa 125 ettari, sono parte della Rete Natura 2000 creata dall’Unione europea che individua siti di interesse comunitario e zone di protezione speciale con lo scopo di proteggere e conservare gli habitat e le specie animali e vegetali, identificati come prioritari dagli Stati membri.

“Siamo particolarmente felici dell’ottimo esito di questa giornata ecologica, un’iniziativa che per la sua finalità era attesa da anni – commenta l’assessore all’Ambiente della Città di Jesolo, Esterina Idra – che ha visto decine di persone rimboccassi le maniche per ridare dignità ad un luogo come la Laguna del Mort, dall’altissimo valore ambientale e di biodiversità, dai rifiuti portati dalle mareggiate e dal comportamento talvolta incivile di chi la visita.

Come amministrazione non possiamo che rivolgere un ringraziamento a tutti coloro che hanno
accettato di contribuire al recupero e alla valorizzazione di questa parte del nostro litorale e desidero far sapere che siamo al lavoro per renderla fruibile come proposta naturalistica di pregio del territorio jesolano”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here