incidente portogruaro

Erano le 18.45 di ieri quando al 112 veniva segnalato un incidente stradale lungo la SS 14 nel comune di Portogruaro.

L’incidente e la fuga

Immediato l’intervento della Gazzella che, giunta sul posto trovava ancora a terra un motociclista. Alcuni testimoni riferivano che pochi attimi prima una Mercedes aveva fatto inversione tagliando la strada al motociclista che, nulla potendo fare per evitare l’improvviso ostacolo, si era schiantato sull’autovettura rovinando a terra. Il conducente dell’autovettura era poi fuggito a forte velocità e compiendo sorpassi azzardati, con direzione centro cittadino.

L’inseguimento da parte di un testimone

Addirittura un testimone aveva cercato di inseguirlo ma, complice il traffico e le manovre azzardate del pirata, lo aveva perso.

Tuttavia, essendo riuscito ad annotare parte del numero di targa dell’autovettura, ha immediatamente comunicato alla Centrale Operativa il dato in suo possesso, così permettendo ai militari di porre in essere i successivi e tempestivi accertamenti.

Identificato il pirata dell’incidente

Identificato il proprietario dell’autovettura in un soggetto residente in provincia di Pordenone, gli uomini dell’Arma si recavano presso l’abitazione dell’uomo insieme a i colleghi del luogo, dove rinvenivano l’autovettura segnalata, con evidenti ammaccature compatibili con l’incidente.

A quel punto hanno bussato alla porta e il 25enne proprietario dell’autovettura, incalzato dai Militari dell’Arma, altro non ha potuto fare che ammettere le proprie responsabilità.

Le condizioni del motociclista

Nel frattempo il motociclista, un ragazzo ventenne della provincia di Treviso, veniva dimesso dall’ospedale di Portogruaro con una prognosi di diverse decine di giorni, avendo riportato la frattura di un braccio ed altre contusioni varie.
Un incidente che per la dinamica avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi.

Gli accertamenti

Nell’attesa di conoscere gli esiti degli accertamenti volti a verificare se il conducente al momento del sinistro fosse sotto l’effetto di alcool e/o droghe, circostanza che aggraverebbe di molto la sua posizione, i militari lo hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Pordenone per fuga del conducente in caso di lesioni personali, e omissione di soccorso alle persone ferite.

Naturalmente gli è stata ritirata la patente, mentre l’autovettura è stata sottoposta a sequestro penale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here