Via Piave Giardini musicali…e molto altro: programma dal 5 agosto

Musica Mangiare e bere, ascoltando buona musica o guardando un bel film. Sedici serate ad agosto per vivere la città durante l'estate nei Giardini di via Piave.

Una trentina di eventi musicali con una proposta artistica variegata e tanti stand gastronomici per animare le serate di residenti e non solo. E’ stata presentata oggi, martedì 3 agosto, nella Sala consiliare del Municipio di Mestre, la rassegna “Via Piave Giardini musicali…e molto altro” che prenderà il via il 5 agosto.

La presentazione

Dal giovedì alla domenica, fino al 29 agosto, sul palco dei Giardini di Via Piave si alterneranno una serie di musicisti e l’area sarà arricchita con tavoli e istallazioni luminose.

Alla presentazione della manifestazione sono intervenuti per l’Amministrazione comunale, l’assessore alla Promozione del Territorio Paola Mar, l’assessore alla Coesione sociale Simone Venturini e l’assessore alla Sicurezza Silvana Tosi.

Via Piave Giardini musicali e molto altro

Con loro anche l’amministratore unico di Vela Spa Piero Rosa Salva. Nel programma si spazia dal tributo ai Nomadi degli Asia Band al Funky pop originale dei Mens Rea, fino all’omaggio a David Bowie dei Moss Garden. Vasta anche la proposta gastronomica che toccherà diverse zona d’Italia e del mondo.

Il commento di Simone Venturini

“Questa iniziativa d’intrattenimento e animazione territoriale – ha affermato in apertura Venturini – è una delle tante proposte che il Comune ha messo in campo per l’estate, ma è stata creata anche con un focus particolare sulla tematica sociale, sulla riattivazione territoriale e la buona frequentazione dei luoghi pubblici.

Quest’estate veneziana, come la precedente, è caratterizzata da un fiorire di appuntamenti. Tante iniziative pensate per far vivere il territorio e fornire occasioni di svago a chi resta in città. Però una particolare attenzione dobbiamo dedicarla a via Piave. Bisogna ricordare l’impegno dell’Amministrazione comunale per risanare il quartiere, a cominciare da alcune operazioni sia urbanistiche, ma anche di sicurezza, di presidio forte in quei luoghi, di mantenimento dei servizi sociali, con attività e animazione culturale. Serve continuità e collaborazione con la cittadinanza.

Ad agosto – ha proseguito – su via Piave ci saranno un sacco di iniziative, diventerà uno dei poli di divertimento e musica della Città metropolitana. Non mancheranno attività legate allo sport e alla gastronomia. I giardini sono ampi: lo scopo è accendere qui e nel quartiere ulteriori luci, affinché molta gente arrivi anche dal resto del territorio, venga qui per mangiare, ascoltare musica, stare in compagnia. Anche questi eventi ci possono aiutare a ritrovare il senso di comunità. Una tappa di un grande percorso che stiamo facendo da tempo”.

Il commento di Paola Mar

“Quando abbiamo cominciato sei anni fa a lavorare sulle Città in Festa – ha aggiunto Mar – il nostro obiettivo era rendere viva la città attraverso una serie di eventi, creando un sistema di rigenerazione urbana e umana. Le iniziative ci danno una grossa mano da questo punto di vista.

Da parte nostra c’è attenzione a organizzarli nel modo migliore possibile, come abbiamo dimostrato con il Redentore, il primo evento nazionale fatto con il green pass anticipando le decisioni del governo Draghi.

Ringrazio chi ha creduto in questa programmazione e, come l’Ufficio Eventi, lavora e ci affianca tutti i giorni. Abbiamo saputo adattarci alle situazioni e fornire pronta risposta ai nostri cittadini. Ed è forse anche per questo motivo che sono nate nuove situazioni come quella del Parco Catene, del Parco Emmer a Marghera o in altre località dove si sono rafforzate le associazioni del territorio.

Voglio ringraziare anche Vela con Piero Rosa Salva perché risponde ad ogni sollecitazione dell’Amministrazione. Siamo una squadra abituata a fronteggiare le diverse situazioni e dare la possibilità al territorio di crescere attraverso queste forme di socialità. Perché la sicurezza nasce anche dal fatto di poter impegnarsi per il proprio territorio e far sì che questo viva”, ha conluso l’assessore Mar.