10° edizione del Festival dei Matti, da domani fino a domenica in vari luoghi di Venezia e con tantissimi ospiti importanti, dalla fotografa Letizia Battaglia allo scrittore svedese Bjorn Larsson.

Festival dei Matti 2019

Il Festival dei Matti compie 10 anni e riflette sui legami generazionali e sul senso del tempo: così il titolo “gli anni legami di generazioni” serve a ricucire memorie gesti sguardi, come spiega Anna Poma ideatrice e curatrice del festival.

Come sempre la riflessione Va ben oltre la dimensione puramente medica, per abbracciare altri orizzonti quelli della letteratura, della poesia, della politica, della aociologia e delle discipline performative.

Gli eventi

Tra gli eventi in cartellone da venerdì 24 a domenica 26 maggio in vari luoghi di Venezia (dal teatrino Groggia al Cinema Rossini) segnaliamo l’incontro con lo scrittore svedese Bjorn Larsson che parlerà del suo libro Lettera di Gertrud focalizzato sul tema dell’identità. Letizia battaglia e Denis Curti con Massimo Cirri racconteranno come la fotografia abbia saputo documentare la follia.

Ci sarà anche Dori Ghezzi che parlerà di Fabrizio De Andrè in una prospettiva generazionale. La sociologa Chiara Saraceno e il giornalista Pietro del Soldà daranno una visione della società civile, mentre Paolo Puppa proporrà una lettera è impossibile di Dino Campana a Sibilla Aleramo e Karen Venturini autrice del libro “Melanconia con stupore” farà rivivere un centinaio di donne internata in manicomio alla fine dell’800.

A chiudere il festival sarà “Baby” il folgorante racconto di Susan Sontag interpretato da Mattia Berto e Anna Toscano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here