perricciolo
Perricciolo, Prati, Michelazzo, il trio delle meraviglie che continua a imperversare su tv e giornali italiani.

Novità sul caso Prati: anche Pamela Perricciolo ha detto la sua 

Novità sulla vicenda che ha per protagonista Pamela Prati (domani ospite di Chi l’Ha Visto, su Rai3 per parlare delle “truffe romantiche”): oltre al fantasmatico Mark Caltagirone, l’ex star del Bagaglino ha introdotto due presunti “figli in affido”, Sebastian e Rebecca, che si sono visti più del futuro marito: il bambino, oltre ad aver mandato un video a Barbara D’Urso, è stato notato in un bar insieme a Pamela Perricciolo, Eliana Michelazzo, Milena Miconi e Pamela Prati, mentre la piccina è stata mostrata in più foto, immagini che – si è scoperto – sono state rubate da un profilo Facebook.

Della bimba avevano rubato le foto, il piccolo è stato ingannato

Per il maschietto, invece, le tre sono arrivate ad arruolare con l’inganno un bambino di dieci anni: lo rivelano le anteprime della puntata di Live Non è la D’Urso di domani, che ospiterà la madre biologica del piccolo. La donna, sconvolta, dice di aver scoperto la verità guardando proprio il programma di Barbara D’Urso e di aver già intrapreso vie legali contro chi ha sfruttato il figlio all’insaputa della famiglia e del bimbo stesso.

La verità di Pamela Perricciolo raccontata a Selvaggia Lucarelli

Intanto, Pamela Perricciolo, agente della Prati insieme alla Michelazzo, ha raccontato la sua verità in una lunga intervista a Selvaggia Lucarelli su Il Fatto Quotidiano. Nelle anticipazioni di Dagospia si legge che: «Tutte e tre abbiamo delle responsabilità in questa storia; la password dell’account di Mark Caltagirone la ha Pamela Prati; Simone Coppi è un fake inventato tanti anni fa, gestito anche dalla Michelazzo», confessa fra le altre cose la Perricciolo, aggiungendo che avevano firmato tutte e tre un accordo di riservatezza da un legale, poi la Prati avrebbe dei debiti, eccetera eccetera eccetera

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here