Home Notizie Articoli di Cronaca Pramaggiore, spacciavano ai minori: fermati 2 giovanissimi pusher

Pramaggiore, spacciavano ai minori: fermati 2 giovanissimi pusher

906
Pramaggiore, spacciavano ai minori: fermati 2 giovanissimi pusher - Televenezia

Pramaggiore: i carabinieri hanno fermato un minorenne e un neo-maggiorenne. Nel telefono le foto delle mazzette di denaro e dell’hashish. Ricostruiti almeno 500 episodi di spaccio negli ultimi 3 anni a minori

L’attività è scaturita da una serie di perquisizioni, sia personali che domiciliari, eseguite nell’aprile scorso ad opera di militari del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile, finalizzate all’identificazione di minorenni coinvolti, a vario titolo, nello spaccio di stupefacenti al “minuto”, perlopiù hashish e marijuana.

L’indagine, importante e significativa non tanto per il volume di droga scambiato, ma piuttosto per l’ambiente investigato, ovvero quello dei minori e adolescenti, ha per altro consentito di dare una significativa risposta a segnalazioni provenienti da più Istituzioni locali, specialmente scuola e amministrazioni comunali. A tal proposito, erano giunte ai Carabinieri della Compagnia di Portogruaro, diverse indicazioni attestanti fenomeni sempre più evidenti di consumo di sostanze stupefacenti tra i giovanissimi, segnatamente nei territori dei comuni di Pramaggiore.

Nel corso di una perquisizione a carico di un minorenne di Sesto Al Reghena, sul quale si era posta l’attenzione dei militari, veniva rinvenuto un consistente quantitativo di droga (circa 40 grammi di hashish), oltre a materiale utilizzato per il confezionamento, con ciò trovando parziale riscontro a quanto segnalato.

Successivamente identificati e sentiti i clienti di questo minorenne, circa una ventina di ragazzi residenti in località limitrofe a Pramaggiore e molti dei quali pure minorenni, si riusciva a ricostruire un quadro da cui emergevano almeno 500 episodi di spaccio (poche dosi di marijuana e hashish per volta), avvenuti dal luglio 2015 ad aprile 2018 prevalentemente in locali pubblici e luoghi di aggregazione minorile di Cordovado, Sesto al Reghena, Pramaggiore, Meduna di Livenza e Cinto Caomaggiore.

Da quel primo tassello, si giungeva poi all’identificazione dell’“l’anello superiore”, un neo- maggiorenne sempre di Pramaggiore nella cui abitazione si rinveniva una cospicua somma di denaro in contanti (quasi 10.000 Euro) oltre a circa 11 grammi di hashish pronto per la vendita.

Anche per lui si documentavano, tramite le informazioni ricevute dagli acquirenti, numerosi episodi di spaccio. Circostanze per altro confermate dalle fotografie che gli investigatori hanno rinvenuto memorizzate sullo smartphone del giovane dove, nei vari “selfie”, appare l’indagato con mazzette di denaro, diversi panetti di hashish, quasi fossero trofei di cui andare fieri.

Ad aggravare l’intero quadro indiziario raccolto, non solo il fatto che la maggior parte dei clienti fosse costituita da minorenni, ma anche la circostanza di luogo, ovvero che l’attività di spaccio avveniva anche in luoghi di aggregazione giovanile, con ciò rendendo ancora più subdola e pericolosa siffatta illecita attività.

L’intera indagine, coordinata dal Procuratore per i Minorenni di Trieste, dott. Leonardo Tamborini, ha consentito l’emissione di due provvedimenti cautelari eseguiti nella mattinata odierna. Così il minorenne e il neo-maggiorenne (poiché minore di 21 anni), sono stati entrambi collocati in due diverse comunità protette, dove seguiranno uno specifico percorso di riabilitazione volto al loro recupero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here