Servizi Cronaca

Polizia Municipale: routine la resistenza all’arresto dei pusher

La tensione in crescita tra le bande di spacciatore e la polizia a Mestre. Durante un arresto mercoledì un gruppo di pusher ha cercato di liberare il loro complice. La polizia municipale chiarisce: “da tempo gli arresti avvengono in questo clima, è routine"

La città di Mestre si interroga il giorno dopo la reazione di un gruppo di spacciatori in difesa di un loro complice arrestato dalla polizia municipale in Via Cappuccina. Con graffi e spintoni i pusher hanno cercato di liberarlo davanti i testimoni ai quali è parso di assistere ad un episodio straordinario indicatore di un salto di qualità nei rapporti di forza tra pusher e polizia a favore dei primi.

A sentire il dirigente operativo della polizia municipale di Venezia che coordina queste azioni, Gianni Franzoi, in realtà è stata normale routine.

Gianni Franzoi

“Ieri è successo un episodio di resistenza che si è verificato già altre volte. Il personale è preparato ed è riuscito a fronteggiare adeguatamente la situazione. Questi spacciatori sono sotto pressione da tempo. Pressione nostra come polizia locale senz’altro, sotto pressione delle forze di polizia dello stato e quando sono sotto pressione reagiscono in questa maniera.”

Lo spacciatore dopo l’arresto è stato portato davanti al giudice monocratico. Aveva precedenti ed è stato condannato a 8 mesi di carcere.

Dal 2018, da quando cioè la polizia di stato ha sgominato la banda di nigeriani che aveva messo in piedi uno spaccio a livello regionale in via Monte San Michele, a ridosso della stazione ferroviaria, qualcosa a Mestre è cambiato.

Non la vendita di sostanze stupefacenti che è tornata dopo poche settimane da quegli arresti, ma l’atteggiamento dei gruppi di spaccio, meno invasivo. E così è cambiato anche l’atteggiamento della polizia, che invece di concentrare gli sforzi su poche e radicali retate, punta su singoli e frequenti operazioni di disturbo che alzano inevitabilmente la tensione.

Polizia Municipale e di Stato: presenza più puntuale e intensa

“Quella banda di soggetti nigeriani dediti all’attività di spaccio aveva modi di stare su strade estremamente invasivi. Avevamo risse e regolamenti di conti anche in pieno giorno. Tutto questo è cambiato nel senso che la banda è stata sgominata dall’attività della squadra mobile in primis. Quelli che sono subentrati in questa attività sul territorio hanno modalità di esercizio delle loro attività criminali meno impattanti. Infatti, i regolamenti dei conti che prima erano all’ordine del giorno, adesso sono merce molto rara. C’è stato un cambio di dinamiche. Adesso noi e tutte le altre forze di polizia dello stato, sul fronte dello spaccio siamo una presenza molto puntuale e intensa. L’attività repressiva è sicuramente ai massimi livelli esplicabile e attuabile sul territorio. Continuiamo così.” Conclude Franzoi.

“Non interveniamo mai in meno di 10 agenti tra uomini in divisa e in borghese per un arresto”, ci ha spiegato il dirigente Franzoi, “sapendo perfettamente”, ha aggiunto, “di incontrare sempre la resistenza degli spacciatori che mal sopportano la pressione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button