Articoli di Cronaca

Discoteca di Mestre chiusa dalla Polizia: “numerosi episodi di violenza”

La polizia ha sospeso la licenza per 10 giorni di una nota discoteca di Mestre: numerosi comportamenti basati su violenza a persone e cose avvenuti all'interno ed i fatti di violenza

In data odierna il Questore di Venezia ha disposto la sospensione della licenza di esercizio di una nota discoteca di Mestre.

Polizia di stato di Venezia: allarme sociale

Il provvedimento, di natura cautelare, è stato adottato in seguito ai ripetuti interventi e segnalazioni raccolte da parte delle locali Forze dell’Ordine. Queste, nel periodo compreso tra la fine del mese di ottobre ed il recente fine settimana, hanno costituito un oggettivo susseguirsi di episodi di violenze ed illeciti ai danni di avventori, alcuni dei quali minorenni. Era una situazione di allarme sociale, per la minaccia dei precipui interessi della tutela dell’incolumità  e della Sicurezza Pubblica.

Violenza a persone e cose

Tra questi sono significativi i numerosi comportamenti basati su violenza a persone e cose avvenuti all’interno della discoteca ed i fatti di violenza. Fra questi spicca, in particolare, un’aggressione avvenuta ai danni di un cliente che ha subito la frattura del setto nasale con prognosi di 25 giorni. Episodio compiuto da un avventore in evidente stato di alterazione dovuto all’abuso di bevande alcoliche.

Provvedimento cautelare di sospensione della licenza

I fatti accaduti hanno destato un preoccupante allarme sociale per la minaccia dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica. In modo speciale se riferiti ad un luogo in cui si ritrova un significativo numero di giovani. Motivi che hanno pertanto richiesto un mirato intervento mediante l’emissione del provvedimento cautelare di sospensione della licenza.

Il provvedimento è stato notificato al titolare nella mattinata di ieri. Il personale della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Venezia ne ha curato l’esecuzione.

Discoteca di Mestre

L’iniziativa è tesa a lanciare un messaggio alla categoria poiché, pur consci del momento difficile da cui si sta uscendo, la crisi deve costituire la base per una ripartenza virtuosa.

L’autorità, chiamata a pronunciarsi su questa questione, guarda con attenzione ai giovani che in questa fase della pandemia hanno sofferto l’assenza di quei momenti ludici a cui avevano diritto. Ripartire, però, non può mai significare mettere a rischio la propria vita e la propria salute perché non c’è la consapevolezza di chi gestisce queste attività a farlo nella maniera giusta.

La post-pandemia deve essere caratterizzata, pertanto, da una ripartenza positiva e non da una ripartenza negativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button