Stanno Facendo un 48

Pettenò: Venezia ha bisogno nuovamente dello spirito collettivo

Pietrangelo Pettenò: "Durante la Serenissima i veneziani per arricchirsi si cercava per primo il benessere collettivo"

Nella decima puntata di “Stanno Facendo un 48”, programma condotto da Patrizio Baroni, abbiamo discusso della storia e del futuro di Venezia, ai suoi primi 1600 anni. Gli ospiti della puntata sono: Pietrangelo Pettenò, coordinatore del progetto Forti di Venezia; Pieralvise Zorzi, scrittore; Claudio Vernier, Presidente dell’associazione Piazza San Marco; Cesare Peris, presidente della società del mutuo soccorso carpentieri e calafati; Alessandro Marzo Magno, giornalista e scrittore.

Perché a Venezia non si riesce a creare uno spirito di gruppo?

Pietrangelo Pettenò, coordinatore del progetto Forti di Venezia:

“Venezia soffre da tempo di questa problematica. Nei libri di Alessandro Marzo Magno e Pieralvise Zorzi si parla di come nella Serenissima i veneziani cercavano di arricchire se stessi ma che sapevano di dover investire nella Res Publica. Il successo collettivo dava poi il successo al patrizio.

Oggi l’investimento collettivo può e deve essere fatto anche per successo personale ma questo oggi non lo vediamo. Venezia ha bisogno di progetti internazionali, di vedere oltre i propri confini, di essere di nuovo cosmopolita. Il Doge non era quello che si arricchiva ma doveva essere al servizio dei cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button