Alessandro Scarpa Marta risponde a Maria Stella Donà. E’ il referente per Pellestrina, delegato per le isole. Ha voluto testimoniare ciò che è accaduto nell’isola di Pellestrina, che è anche la sua residenza attuale.  Aperto un conto corrente per le donazioni

La muretta

L’acqua a Pellestrina non è entrata dal mare perché il terrapieno, costruito nel 1966, ha tenuto. L’acqua è entrata dalla laguna per colpa della muretta bassa. I cittadini erano già da un po’ di anno che si lamentavano dell’altezza della muretta e della necessità di alzarla. Quel muretto tiene al massimo fino ad altezza medio-mare, ovvero 175 centimetri circa.

“Non devono più accadere fatti così gravi. – parla Alessandro Scarpa. – L’isola è rimasta per circa 20 ore sommersa dall’acqua.”  Coop di Pellestrina riapre dopo soli 5 giorni dall’acqua alta

Le pompe a Pellestrina

Inoltre le pompe a Pellestrina non hanno funzionato soprattutto perché sono state posizionate al livello terra. E’ stato il Consorzio Venezia Nuova a posizionare a quell’altezza le pompe. “Gli ingegneri dovrebbero ascoltare i cittadini. Sono loro che conoscono meglio il territorio.”

I risarcimenti

I moduli per i risarcimenti non sono ancora pronti. Al loro completamento, fra qualche giorno, la notizia sarà divulgata. E poi sarà possibile averli sia nei palazzi comunali ma anche nelle Municipalità. Ci saranno degli uffici aperti per fornire istruzioni. Risarcimento per danni da acqua alta: i consigli della CGIA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here