Articoli di Economia e società

Pasqua a Venezia verso il tutto esaurito

Affitti turistici, Pasqua verso il tutto esaurito. Ottime anche le previsioni per l’estate 2019. Cresce in tutto il Veneto la domanda di appartamenti per le vacanze.

Secondo i dati forniti da Rent It Italy, a Pasqua indice di occupazione che sfiora il 95%, Venezia ancora una volta in cima alle richieste. Pasqua a grandi passi verso il sold out, confortanti anche le previsioni per i mesi di maggio, giugno e luglio.

Gli affitti turistici confermano il trend in grande crescita nell’organizzazione turistica e a fornire i dati di una prima proiezione a livello regionale per il settore dei property manager (categoria professionale che si pone a metà strada tra chi si occupa tradizionalmente di ricettività e i cosiddetti privati) è Rent It Italy, agenzia leader del settore.

Venezia, come sempre, tira la volata al turismo veneto e a Pasqua l’indice di occupazione degli affitti turistici si attesta attorno al 95% della quota disponibile sul mercato. “Un avvio di stagione sicuramente positivo – spiega il veneziano Massimo Michielan, presidente di Rent It Italy – aiutato da un calendario favorevole che mette in fila Pasqua, il ponte del 25 aprile e il ponte dell’1 maggio, al quale si aggiunge la chiusura delle scuole per una decina di giorni. Tutti fattori che inducono i turisti, soprattutto italiani, ad organizzarsi una breve vacanza”.

Preferite le città d’arte

Mete preferite, secondo le previsioni, saranno ancora le città d’arte, seguite dalle località di mare. “Numeri importanti – aggiunge Francesco Beraldo, cofondatore di Rent It Italy – ai quali si aggiunge una proiezione dati positiva anche per i primi mesi della bella stagione: a maggio, giugno e luglio la copertura occupazionale si attesta attorno all’70%, performance davvero interessante che conferma il grande appeal del Veneto sul fronte della scelta di vacanza”.

Secondo i responsabili di Rent It Italy la costante crescente domanda di affitti turistici, sia da parte dei turisti italiani che di quelli stranieri, è ormai un dato di fatto: un fenomeno del quale bisogna prendere atto e per il quale tutto il sistema che ruota attorno all’organizzazione dell’offerta turistica deve attrezzarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close