Articoli di Cultura e SpettacoloMostre a Venezia

Palazzo Grimani: mostre “Domus Grimani. La Sala del Doge” e “Archinto”

L’arte del passato dialoga con l’arte del presente con le mostre “Domus Grimani. La Sala del Doge” e “Archinto”19 maggio dal 27 novembre 2022

Continua il dialogo tra passato e presente nella scena culturale veneziana con due nuovi progetti, inaugurati il 19 maggio 2021, che vedono come protagonista uno dei palazzi più maestosi della città. Sullo sfondo delle sale rinascimentali di Palazzo Grimani a Santa Maria Formosa, prende vita la mostra Domus Grimani. La Sala del Doge, il riallestimento di uno degli ambienti più evocativi del palazzo che punta a far tornare il pubblico a respirare tutto lo splendore rinascimentale che ha dominato questo luogo per lungo tempo.

Se da un lato questa mostra rievoca il passato, la seconda esposizione del palazzo, Archinto, punta dare spazio al presente con i lavori dell’artista tedesco Georg Baselitz, alcuni dei quali realizzati per il palazzo stesso che resteranno in comodato d’uso al museo concessi dall’artista con uno speciale accordo.

Entrambe le mostre rientrano nel programma ufficiale delle celebrazioni per i 1600 anni di Venezia.

Domus Grimani. La Sala del Doge

Il ricollocamento della statuaria greca e romana, oggi protagonista della mostra nella Sala del Doge di Palazzo Grimani, nasce dalla collaborazione tra la Direzione regionale Musei Veneto e la fondazione Venetian Heritage.

Questo progetto punta a dare una rinnovata chiave di lettura a un ambiente rimasto fermo per diverso tempo.

Con il riallestimento delle statue, parte della collezione Grimani continua il progetto iniziato con la mostra “Domus Grimani 1594-2019”, inaugurata nel maggio di due anni fa, con il riallestimento della Tribuna del patriarca Giovanni Grimani.

Il lavoro di ricollocamento delle statue nella Sala del Doge sono stati effettuati secondo un attento studio delle fonti storiche, tra cui anche il testamento dello stesso Giovanni Grimani, la lettura di diverse descrizioni storiche e l’analisi di alcune fotografie di fine ‘800 ritrovate negli archivi della National Gallery di Washington.

Ed è così che, i curatori della mostra Daniele Ferrara, direttore della Direzione regionale Musei Veneto e Toto Bergamo Rossi, direttore di Venetian Heritage, hanno ricollocato nella Sala del Doge venti sculture.

Ulteriori undici sculture sono state posizionate nelle sale attigue: sei nel vestibolo, una nel Camerino di Callisto e quattro nella Sala di Psiche.

Ad accompagnare questa esposizione, c’è la pubblicazione edita da Marsilio che completerà il corpus editoriale sul Museo iniziato con la mostra DOMUS GRIMANI 1594-2019 attraverso una campagna fotografica realizzata per l’occasione.

Questa operazione, prodotta da Civita Tre Venezie e finanziata da Venetian Heritage e dal Ministero della Cultura, in collaborazione con Gagosian Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte con la partecipazione di diversi mecenati, sancisce la collaborazione tra pubblico e privato nella valorizzazione del patrimonio storico-artistico di Venezia.

Archinto di Georg Baselitz

Palazzo Grimani ospita anche la mostra Archinto, a cura di Mario Codognato con i nuovi lavori dell’artista tedesco Georg Baselitz.

L’esposizione, prodotta da Gagosian in collaborazione con Venetian Heritage, è allestita nel piano nobile del museo con dodici tele realizzate appositamente per la Sala del Portego collocate nelle originarie cornici settecentesche a stucco, che ospitavano, fino all’800, i ritratti della famiglia Grimani.

Queste opere resteranno in comodato d’uso al museo con una collaborazione, nuova per Venezia, tra un artista contemporaneo e un museo statale.

Georg Baselitz, in questa mostra, rende omaggio a Venezia e alla sua tradizione artistica creando delle opere che da un lato creano una continuità storica e dall’altro segnano una rottura con il passato.

Con l’approccio vigoroso di Baselitz, la ritrattistica rinascimentale è rielaborata con le innovazioni degli equivalenti contemporanei.

Il titolo della mostra e gli stessi lavori dell’artista tedesco prendono spunto dal ritratto del 1558 del Cardinale Filippo Archinto realizzato da Tiziano.

Baselitz, così, porta la sensibilità dei Maestri del passato in un contesto attuale alludendo al tema della mortalità umana e sfruttando la sua passione per le tecniche di incisione.

La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue con testi di Toto Bergamo Rossi, direttore di Venetian Heritage, Mario Codognato, curatore della mostra, Ester Coen, storica dell’arte, e Georg Baselitz stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button