Home Notizie Articoli di Salute e benessere Ospedale di Jesolo: sostegno ai pazienti colpiti da malattie cardiovascolari

Ospedale di Jesolo: sostegno ai pazienti colpiti da malattie cardiovascolari

Ospedale di Jesolo: sostegno ai pazienti colpiti da malattie cardiovascolari - Televenezia

Ospedale di Jesolo: Ulss4 e Amici del Cuore Onlus hanno presentato il nuovo servizio di sostegno psicologico per i pazienti che ne avranno la necessità nella fase post acuta della malattia

Superato il momento acuto di una malattia vascolare, che ha portato ad esempio all’arresto cardiocircolatorio, all’infarto del miocardio, all’intervento chirurgico, molti pazienti vivono un disagio emotivo per l’accettazione della malattia e per il cambiamento dello stile di vita che dovrà necessariamente passare attraverso un percorso di riabilitazione. Riabilitazione che se affiancata a un supporto psicologico può migliorare e velocizzare il ritorno del paziente a un ruolo attivo nella società.

Con questi presupposti Ulss4 e Amici del Cuore Onlus, con la collaborazione della Fondazione Terre d’Acqua, oggi hanno presentato il nuovo servizio di sostegno psicologico per i pazienti che ne avranno la necessità nella fase post acuta della malattia, in carico della Cardiologia Riabilitativa di Jesolo sia in regime di degenza che ambulatoriale.

Il progetto

Il progetto prevede dunque il coinvolgimento di quelle persone che stanno vivendo un disagio emotivo dovuto alla propria malattia, individuate in seguito a un confronto tra l’equipe della Cardiologia Riabilitativa e lo psicologo scelto per questa attività, Milena Spinato. Nella fase successiva il paziente potrà quindi essere inserito in un percorso individuale o in piccoli gruppi di lavoro, e in caso di necessità potranno essere coinvolte anche altre figure professionali per garantire la migliore riabilitazione a seconda delle necessità.

I benefici

I benefici di un supporto psicologico nella fase di riabilitazione riabilitazione potranno essere molteplici: dalla riduzione del malessere psico-fisico-sociale al supporto familiare, dall’ottimizzazione dell’accettazione della malattia alla correzione dei fattori di rischio fondamentale per ridurre il possibile ritorno della malattia. In estrema sintesi il paziente potrà beneficiare di una facilitazione del reinserimento lavorativo, familiare e sociale.

Alla presentazione della novità nata dalla pluriennale collaborazione tra Amici del Cuore (che insieme a Terre d’Acqua sostiene economicamente il progetto) e Ulss4 (che ha curato la parte scientifica del progetto) hanno partecipato il direttore generale Carlo Bramezza, il direttore del dipartimento medico Francesco Di Pede, il direttore della Medicina di Jesolo Loredano Milani, il direttore della Riabilitazione Cardiologica di Jesolo Margherita Pizzolato, la psicologa Milena Spinato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here