Sembra salvo l’ospedale civile di Venezia. La giunta regionale ha modificato il piano sociosanitario e riconosciuto la specificità dell’isola veneziana

Sospiro di sollievo a Venezia per il ritorno a struttura di primo livello dell’ospedale Civile di Venezia grazie a un disegno di legge della giunta regionale veneta. Il documento approvato costituisce una modifica del piano sociosanitario 2019-2023.

In sintesi la regione ha riconosciuto che il nosocomio non serve soltanto ai quasi 90 mila residenti del centro storico e delle isole. L’ente ha riconosciuto la specificità della struttura e tenuto conto che ogni giorno si devono aggiungere i turisti alla popolazione, che arrivano in agosto a circa 45 mila presenza giornaliere.

Si devono poi contare anche i 25 mila studenti e le migliaia di lavoratori pendolari che ogni giorno raggiungono l’isola dalla terraferma e che prestano lavoro negli alberghi, nei ristoranti, negli esercizi commerciali e negli uffici.

Nel documento c’è anche la presa di coscienza delle difficili condizioni geomorfologiche del territorio, ossia delle distanze tra la terraferma e le isole davvero incolmabili soprattutto in caso di urgenza. Un codice rosso ad esempio difficilmente può sopportare un viaggio di un’ora per ottenere le cure salvavita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here