Articoli di Economia e società

Oltreilmuro, il progetto contro le barriere architettoniche

Un programma, approvato dal comune di Mirano, per la sensibilizzazione dei bambini e l’interiorizzazione dei valori su cui si fonda la convivenza civile

Abbattere il muro della diversità per rendere Mirano una città sempre più inclusiva, passa attraverso gesti concreti. Uno di questi è l’approvazione del P.E.B.A. – Piano Eliminazione Barriere Architettoniche e l’abbattimento delle barriere architettoniche. Ma anche attraverso azioni di sensibilizzazione e di crescita culturale. Uno dei luoghi dove portare avanti queste progettualità è sicuramente la scuola. Conoscere e guardare le cose da diversi punti di vista è, infatti, fondamentale per andare oltre alla cultura dell’indifferenza e della paura del “diverso da noi”. Stiamo parlando del progetto Oltreilmuro.

Oltreilmuro

Per questo l’Amministrazione comunale ha subito sostenuto il progetto con i bambini delle scuole elementari e medie. Pietro Martire, con la sua associazione Oltre il Muro, lo ha raccontato in occasione de La Skarrozzata. Il progetto è partito lo scorso novembre ed è rivolto agli studenti delle classi quarte e quinte delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo grado.

Le parole di Pietro Martire

«Attraverso questo progetto “Oltreilmuro” – spiega Pietro Martire – vogliamo promuovere nelle giovani generazioni l’interiorizzazione dei valori su cui si fonda la convivenza civile. Vogliamo contribuire così alle problematiche legate alla disabilità e sensibilizzare, in particolare, sull’uso dei parcheggi disabili. Intendiamo coinvolgere gli studenti in un percorso che, stimolando la riflessione sulla diversità, li aiuti a superare la fisiologica paura che si accompagna all’incontro con il diverso. Vogliamo inoltre aiutarli a maturare la consapevolezza che esso non rappresenta una minaccia ma un’opportunità di crescita sia per il singolo sia per la collettività. Tutto ciò in vista della realizzazione di una società basata sul rispetto reciproco e sul valore della solidarietà».

Il valore dell’inclusione

Pietro racconta la sua storia, il primo ed il secondo tempo (come piace definirlo a lui) e risponde a tutte le domande dei bambini e ragazzi, mostrandogli cosa vuol dire andare “al di là della disabilità e di come si può affrontare la vita a “testa alta”. Racconta i valori dello sport, di come questo sia fondamentale quando parliamo di inclusione e di rispetto per l’altro.

Disegni, fumetti e brevi frasi

Successivamente agli studenti verrà chiesto di eseguire un disegno, un fumetto o una breve frase sul tema dei parcheggi disabili. In primavera verranno selezionati alcuni di questi disegni che verranno poi stampati su pannelli stradali per essere posizionati sotto i cartelli che indicano un parcheggio riservato a disabili presenti nel Comune. I posti riservati ai portatori di Handicap esistono per garantire pari opportunità a tutti e con questa ulteriore azione si vuole contribuire al rispetto di questo diritto.

I ringraziamenti

«Ringraziamo quindi Pietro Martire per il progetto ma anche le Dirigenti Scolastiche e gli insegnanti per averci creduto, proprio perché per andare #oltreilmuro e rendere la nostra città più inclusiva ci vogliono tante piccole azioni e la collaborazione di tutti perché, come abbiamo avuto modo di dire molte volte (mai troppe) “Siamo tutti pezzi dello stesso puzzle…”, affermano Anna Gnata, assessora alla Scuola e Biblioteca e la consigliera comunale Elena Spolaore, che stanno seguendo il progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button