Occupazione abusiva a Musile di Piave

La polizia locale di Musile di Piave assieme ai carabinieri è intervenuta per liberare alcuni appartamenti occupati abusivamente in via Amalfi

La polizia locale di Musile di Piave, unitamente ai carabinieri della compagnia di San Donà di Piave, è intervenuta ieri mattina per liberare alcuni appartamenti occupati abusivamente in un condominio situato in via Amalfi. Le forze dell’ordine hanno operato in esecuzione dell’ordine del tribunale di Venezia. L’intervento si è protratto per tutta la mattinata a causa della ferma resistenza messa in atto dagli occupanti. Gli appartamenti coinvolti erano quattro, su otto totali.

Gli agenti del comando di polizia locale e i militari dell’arma, con la collaborazione dei servizi sociali, intervenuti a tutela dei minori presenti, alla fine hanno portato a termine con successo l’operazione. Gli occupanti abusivi sono stati allontananti dal territorio del Comune di Musile di Piave e gli otto appartamenti risultano attualmente liberi e nella piena disponibilità del Custode Giudiziario.

Il condominio di via Amalfi era già da tempo oggetto delle “attenzioni” del comando di polizia locale di Musile, che aveva notato la situazione di degrado in cui versava lo stabile, nonché il continuo via vai di persone extracomunitarie.

«Innanzitutto desidero esprimere il mio ringraziamento alle forze dell’ordine», ha commentato il sindaco di Musile di Piave, Silvia Susanna, «per la costante attenzione riposta nei confronti di un tema importante come quello della sicurezza. Un plauso va anche al personale dei servizi sociali per la professionalità utilizzata. In secondo luogo ribadisco come sia di primaria importanza il controllo del territorio, anche nei confronti delle occupazioni abusive. Chi ha i requisiti ed è in difficoltà -conclude il sindaco- ha tutto il diritto di essere accolto e aiutato. Diversamente è giusto che vengano allontanati».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here