Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo CineWeekend: è arrivata l’ora (l’ennesima!) dei dinosauri

CineWeekend: è arrivata l’ora (l’ennesima!) dei dinosauri

515

Arriva “Jurassic World: Il regno distrutto”, mentre gli allergici ai dinosauri si devono accontentare delle commedie “Malati di sesso” e “Tito e gli alieni”.

“Jurassic World: Il regno distrutto” (TRAILER) è il quinto episodio della saga (basata sui personaggi creati dallo scrittore Michael Crichton e iniziata, con il grande Steven Spielberg dietro la macchina da presa, nel lontano 1993) e prosegue la storia raccontata nel precedente “Jurassic World”: tre anni dopo gli eventi che hanno portato alla distruzione del parco a tema dell’isola di Nublar, i dinosauri sopravvissuti vivono da soli nella foresta e si arrangiano come possono.

Quando l’eruzione del vulcano presente sull’isola ne paventa (nuovamente!) l’estinzione, Chris Pratt e Bryce Dallas Howard – diretti dal catalano Juan Antonio Bayona – lanciano una campagna per salvarli. Ma, una volta sull’isola, i due scopriranno una terrificante cospirazione che potrebbe portare l’intero pianeta ad affrontare il pericolo più grande dai tempi della preistoria.

In Malati di sesso, opera prima di Claudio Cicconetti, l’incallito seduttore Francesco Apolloni (che ha scritto la sceneggiatura insieme a Manuela Jael Procaccia) e la bella active coach Gaia Bermani Amaral si incontrano nello studio di uno psicanalista: in cerca di una soluzione al problema che li accomuna, finiranno travolti da una girandola di disavventure.

Tito e gli alieni, diretto da Paola Randi, con Valerio Mastandrea, ci propone uno scienziato napoletano, vedovo e un po’ depresso, che vive isolato dal mondo in una casa mobile nel deserto del Nevada, accanto all’Area 51, dove si sarebbero svolti test nucleari e di aerei-spia, nonché – secondo i cospirazionisti -zona simbolo della volontà dell’esercito Usa di tenere nascosta la verità sugli extraterrestri.

Dovrebbe lavorare a un progetto segreto per il governo statunitense, ma in realtà passa le sue giornate sul divano ad ascoltare il suono dello spazio, fino a quando la sua esistenza solitaria viene sconvolta dall’arrivo di due nipoti da Napoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here