Servizi Cultura e spettacolo

Museo archeologico di Adria: la Tabula Peuntigeriana

Il museo archeologico di Adria ha ripreso le sue attività a pieno ritmo, tra le prime iniziative post covid una conferenza su quella che è considerata la carta geografica più antica del mondo la tabula peutingeriana

Museo archeologico di Adria: il nome è misterioso e viene dal tedesco. La Tabula Peuntigeriana è la copia medievale di un’ antica carta romana che mostra le vie stradali dell’Impero Romano. La più antica carta geografica in nostro possesso. Ai viaggiatori del tempo forniva in modo schematico tutte le informazioni sulle posizione delle principali città e sui luoghi di sosta.

La Tabula Peuntigeriana contempla anche il territorio del Delta del Po ed è per questo che il museo archeologico di Adria, ha dedicato una conferenza proprio alla raffigurazione del Delta del Po nella Tabula Peuntigeriana.

Alberta Facchi, Dir. Museo Archeologico di Adria

“Dopo la lunga pausa dovuta al Covid, il Museo Archeologico Nazionale di Adria, riprende con la sua intensa attività culturale. Oggi, e questa stasera abbiamo il primo appuntamento con una conferenza importante sulla Tabula Peuntigeriana, la più antica carta geografica che raffigura l’Impero Romano. A cura del professor Alberto Andreoli. Ci racconterà la storia del territorio così come viene raffigurata nella Tabula. E le due stazioni di posta di corte Cavanella di Loreo, Mansio Fossis e di San Basilio di Ariano nel Polesine, la mansio Adriani.

Il pubblico presente è entusiasta della ripresa delle attività culturale di questo museo che durante il Covid ha potuto preparare novità per i visitatori. Una di queste è la traduzione in inglese delle didascalie e pannelli.

Siamo quindi, tutti entusiasti della ripresa delle attività e di nuova stagione culturale per Adria ed il territorio di Rovigo.”

Alberto Andreoli, Docente Archeologia Medievale

“Questo documento unico, conservato alla Biblioteca Nazionale di Vienna, del quale si hanno dati di natura fisica, geografica e antropica, riguardano l’ecumene antico anche oltre i territori dell’impero romano, la rappresentazione del nostro territorio è legata soprattutto all’asse litoraneo e ad una via fluviale probabilmente Ravenna ab Hostilia per Padum. da un esame autoctono dell’originale è stato possibile riconoscere un punto di tappa, non rilevato in precedenza che ha avuto conferma anche da un disegno rinascimentale tratto da un testo cartografico simile alla tabula p. che Pellegrino Pusciani, erudito ferrarese avrebbe visto nell’anticamera dell’appartamento del Vescovo di Padova.

Parliamo di Tabula Peuntigeriana per il fatto che si tratta di una carta appartenuta a Konrad Peutinger, un erudito vissuto ad Augusta, in Germania tra ‘400-‘500.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button