Articoli di Cronaca

Renato Giacchetto, Confcommercio: “Jesolo perde una grande persona”

Angelo Faloppa e Franco Polato esprimono il dolore per la morte di Renato Giacchetto, Re e pioniere della vita notturna di Jesolo

“Jesolo perde una grande persona ed un grande imprenditore. Ha dato lustro alla città da questo punto di vista, avendo sempre a cuore il divertimento e la sicurezza dei ragazzi”. È il primo pensiero di Angelo Faloppa, presidente di Confcommercio San Donà-Jesolo, ricordando Renato Giacchetto, venuto a mancare a causa di una grave malattia.

Renato Giacchetto

Imprenditore “della notte” dal 1971, proprietario della discoteca “Alla Villa”, ha fatto ballare intere generazioni. Ed è stato per diversi anni impegnato nel sindacato di categoria, prima presidente della Fipe-Silb Confcommercio della provincia di Venezia, poi presidente nazionale.

Il commento di Angelo Faloppa

“E’ stato uno dei pionieri del divertimento di Jesolo – continua Faloppa – contribuendo in modo importante a dare lustro alla città: se Jesolo si è ricavata un ruolo importante, in Italia e all’estero, anche dal punto di vista del divertimento, lo si deve anche a Renato. Un ruolo, quello di imprenditore, che ha svolto sempre con grande passione, ma anche con grande senso di responsabilità”.

Da questo punto vista, Giacchetto amava ricordare un aneddoto: “Da parte mia – disse in una intervista – ho sempre cercato di svolgere questa attività con correttezza, anche perché sono stato giovane anch’io ed ho dei figli. La cosa più bella che ricordo è quando i genitori mi mandavano in discoteca, la domenica pomeriggio, i loro figli dicendomi: te li lascio, so che sono in buone mani”.

Contro gli abusi di sostanze

È con lui alla presidenza del Silb che, nel 1998, fu sottoscritto il primo accordo con il Sert dell’Ulss (allora 10), per l’avvio di un progetto comune contro gli abusi nelle notti in discoteca, ancora conosciuto con “Off Limits… in discoteca andata e ritorno”.

E sempre con lui, questa volta come presidente nazionale dello stesso sindacato che vennero firmati due protocolli d’intesa con gli allora ministri dell’Interno, per avviare campagne di sensibilizzazione contro l’uso di sostanze, ridurre l’impatto acustico, incentivare l’uso di bevande non alcoliche, incrementare (da parte del Governo) la lotta alla droga, favorire la musica dal vivo; quindi per modificare la figura del classico “buttafuori”.

Protocolli d’intesa sottoscritti nel 2000 e nel 2001 che in qualche modo hanno fatto la storia e segnato un cambiamento nel modo di gestire i locali e, da parte delle autorità, di vedere il mondo del divertimento delle discoteche. Grazie a Giacchetto si era creata una collaborazione tra privati (rappresentati dal Silb) e istituzioni, per perseguire lo stesso obiettivo: divertimento, in sicurezza.

Il ricordo di Polato

Renato Giacchetto ha fatto crescere molti ragazzi, diventati poi imprenditori. Tra questi anche Franco Polato, che oggi occupa proprio il ruolo che fu di Renato, alla presidenza provinciale del Silb, oltre ad essere stato eletto nel direttivo nazionale. “Quando si dice un uomo speciale… Un caloroso ricordo di una persona che ho avuto il piacere di conoscere da molti anni. Appassionato per il proprio lavoro e ancora di più del suo impegno sindacale, incisivo e convinto. Oggi Jesolo perde un grande personaggio. Grazie Renato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button