Servizi Salute e benessere

Montebelluna in Rosa: un’invasione rosa di 3000 persone

E' stata un successo la quarta edizione della Montebelluna in Rosa promossa per sensibilizzare la cittadinanza alla prevenzione tumore al seno. 3000 persone di tutte e età hanno sfilato per le vie del centro insieme a volontari, sportivi e artisti di strada

Un lungo fiume rosa ha invaso la città in occasione della quarta edizione di Montebelluna in Rosa. Oltre 3000 partecipanti, non solo donne ma anche numerosi uomini e persone di tutte le età da soli o in gruppo, che hanno accolto l’invito lanciato dalla Pro loco di Montebelluna con il supporto di ASD Running Team Conegliano, il patrocinio della regione Veneto e del comune di Montebelluna.

Le parole di Daniela Bonaldi, partecipante “Montebelluna in Rosa:

“Adoro le camminate in rosa, le donne tutte insieme sanno fare grandi cose e siamo una forza, viva le donne e viva la solidarietà.”

Le parole di Adalberto Bordin, sindaco di Montebelluna:

“Beh per la città di Montebelluna questo evento significa intanto fare del bene, perché quando stiamo tutti bene siamo tranquilli e non abbiamo problemi ma sappiamo che non sempre può andare così. Quindi è giusto anche essere disponibili nei confronti degli altri, quindi è un momento votato alla beneficenza divertendosi che male non fa e trovando quel senso di comunità che con il covid avevamo perso.”

Le parole di Marco Badoer, presidente pro Loco di Montebelluna:

“Una domenica di festa, amicizia e soprattutto raccolta fondi per la Lilt. Una grandissima domenica, abbiamo fatto dei numeri veramente che non ci aspettavamo quindi un sacco di persone. Bello anche l’inizio con le fate in festa e il truccabimbi tematico, gli artisti trampolieri e anche l’associazione Iris Pranic Healing che ha fatto trattamenti energetici gratuiti, tutti quanti gli stand e la Lilt. Una domenica bellissima.”

Le parole di Annamaria Moretto, ideatrice “Montebelluna in Rosa”:

“Siamo orgogliosi di aver organizzato questa manifestazione per aiutare la Lilt che è una realtà anche qui nel nostro territorio e che ha bisogno di sostegno. Questo perché si occupa delle persone e in particolare delle donne colpite dal tumore al seno e che hanno bisogno di essere accompagnate per le cure e anche per la riabilitazione.”

Un evento pieno di vantaggi

Un evento fatto di solidarietà e attività motoria per stare insieme e riunire tante realtà associative del territorio all’insegna del volontariato. Poi il tema fondamentale della prevenzione del tumore al seno che ogni anno miete ancora molte vittime. A questo proposito c’erano il camper della Lilt provinciale di Treviso e il gazebo del presidio ospedaliero Giovanni XXIII di Monastier che anche quest’anno ha messo a disposizione un coupon per l’esame clinico alla mammella a tariffa ridotta.

Le parole di Alessandro Gava, Presidente Lilt Treviso:

“È sempre un’iniziativa importante, quest’anno alla quarta edizione, quindi il Comune di Montebelluna, la Pro loco e gli organizzatori sono spesi anche quest’anno e sono riusciti ad avere quasi 3.000 adesioni. Un grande successo, una partecipazione importante per questo fiume rosa che corre per la città a testimoniare l’impegno delle donne per la prevenzione. La Lilt è senz’altro entusiasta di queste manifestazioni perché sono un momento per ricordare quanto la prevenzione può fare per mantenere la salute, per non ammalare e per diagnosticare prima un tumore che poi può essere guarito.”

Montebelluna in Rosa e prossima data

Questa del 2022 è stata un’edizione finalmente senza restrizioni, che oltre ai due percorsi di 5 e 10 km ha visto anche tutta una serie di iniziative collaterali come Zumba e musica, riequilibrio energetico del corpo e del chakra, il truccabimbi tematico, gli artisti di strada e quelli circensi.

Presente anche una delegazione di modelle rosa, le donne della forza in passerella, che per sensibilizzare la popolazione sul tema della prevenzione del tumore al seno, portano nelle città del Veneto la loro bellezza ritrovata, fatta di abiti, sorrisi e voglia di vivere. Il prossimo appuntamento sarà al teatro Toniolo di Mestre il 6 ottobre, in apertura del mese rosa dedicato alla prevenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button