Servizi Economia e società

Il monitoraggio dell’aria nelle scuole del padovano

Provincia, Arpav e scuole insieme per studiare la qualità dell’aria. Gli studenti utilizzeranno strumenti professionali per rilevare la presenza di agenti inquinanti come il biossido di azoto

Arpav e Provincia di Padova hanno avviato un progetto diretto agli istituti superiori con l’obiettivo di renderli delle stazioni di monitoraggio dell’aria. Questo anche per sensibilizzare attivamente i ragazzi sulle tematiche ambientali. Certamente utili le manifestazioni di piazza, ma i giovani imparano attraverso la scuola che, in questo modo, assolve effettivamente al suo compito di educatore.

Monitoraggio dell’aria

Tredici le scuole, provinciali, che hanno aderito e che, quindi, andranno ad installare dei veri e propri strumenti di rilevazione e campionatura dell’aria (i radielli, anche questi invenzione padovana).

Saranno poi due delle scuole che partecipano al progetto ad analizzare i dati, dando ai ragazzi la possibilità di dare un risvolto pratico alla teoria studiata in classe, oltre che di approfondire l’argomento ambientale. Ci si augura, inoltre, che questa opportunità possa avvicinare i ragazzi al mondo del lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button