Mestre, via Piave. Dosi di droga nascoste tra i fiori e le piante. C’è chi tratta con i clienti e chi ha il compito di andare e recuperarla

La rete di recinzione era stata sostituita da poco, nuova e con pali di sostegno più robusti dovevano proteggere il caseggiato da intrusioni di sbandati e spacciatori che entravano facilmente nel giardino condominiale.

Non è servita allo scopo perché gli spacciatori hanno continuato a nascondere le dosi di eroina in mezzo alle piante. Siamo in via Piave a Mestre e la battaglia contro gli spacciatori continua. Una battaglia infinita.

Intanto la prefettura segnala un aumento delle segnalazioni nelle scuole di studenti che fanno uso di droghe. In particolare i giovanissimi ricorrerebbero a sostanze chimiche-sintetiche e ci sarebbe la tendenza all’abbassamento dell’età dei ragazzi».

Nel 2018 sono arrivate alla Prefettura di Mestre quasi 1100 segnalazioni, il 5,43% rispetto all’anno precedente.

Intanto da Zelarino arriva la storia di un 36 enne tossicodipendente che è stato arrestato dai carabinieri per le continue minacce nei confronti della moglie allo scopo di prenderle denaro per la droga.

L’ultimo episodio riguarda i 500 euro, soldi ottenuti come sussidio dal Comune per il sostentamento proprio e del piccolo figlio, di un anno appena. La donna aveva consegnato al il gruzzolo nella speranza che le minacce almeno con lui non attecchissero. Speranza risultata vana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here