La Voce della Città Metropolitana

Massimiliano Zane: Venezia deve puntare su cultura e Europa

Il futuro di Venezia deve puntare sul patrimonio culturale e il rapporto con l'Europa. Massimiliano Zane presenta il programma di "Svolta in Comune".

Prendono forma i programmi delle diverse liste che si candidano per le prossime elezioni del Consiglio Comunale di Venezia. Massimiliano Zane, capolista di “Svolta in Comune” presenta i due punti chiave della campagna elettorale a sostegno di Pier Paolo Baretta, candidato sindaco per la coalizione di centrosinistra. Classe 1979, Massimiliano Zane è progettista culturale, consulente strategico per lo sviluppo e la valorizzazione del patrimonio. Cultura ed Europa sono infatti, le due parole chiave della campagna elettorale della nuova lista che nasce dell’unione di “Italia in comune” e “Volt”.

La cultura

Non si può parlare di Venezia e nemmeno pensare di amministrare la città senza avere piena consapevolezza del suo valore culturale e artistico. Il patrimonio della città, afferma Zane, non è stato utilizzato al massimo del suo potenziale. Le manifestazioni e gli eventi culturali di Venezia, come la Biennale e istituzioni, come il teatro La Fenice o la Biblioteca Marciana non si possono commercializzare in modo superficiale e riduttivo. Si tratta di un’offerta che va promossa e tutelata in quanto portatrice di valori culturali, sociali e storici legati strettamente alla città. Si evidenzia l’importanza di un’azione politica che miri ai valori, prima che alla commercializzazione del patrimonio. Di conseguenza, si apre nuovamente la questione del turismo, diviso tra fenomeno di massa e, se ridotto e controllato, di cultura. Tra le proposte per trilanciare il secondo si parla di maggiori connessioni tra scuole e musei e programmazione degli accessi e degli eventi, distribuendoli lungo tutta la durata dell’anno.  E’ importante, afferma sempre Zane, definire l’immagine della città all’estero concentrandosi sui valori che la contraddistinguono, come accoglienza e cultura.

Europa

E’ di grande importanza il rapporto tra Venezia e la realtà europea. Zane mira a rafforzare questo collegamento anche grazie alla collaborazione con Volt, che è l’unico partito paneuropeo. Si tratta di una strategia che potrebbe permettere una rilettura delle opportunità che l’Unione Europea offre alla città. Ad esempio, Venezia ha speso solo il 4% dei fondi europei che potrebbe utilizzare in quanto città metropolitana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close